Glossario



Contraddanza in do maggiore per orchestra "La Bataille" (La battaglia), K 535

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
Organico: ottavino, 2 clarinetti, clarino, fagotto, tamburo, archi
Composizione: Vienna, 23 gennaio 1788
Edizione: Artaria, Vienna 1789

Guida all'ascolto (nota 1)

Il nome di Controdanza (anche Contraddanza) è derivato dall'inglese Country-dance e indica una forma di vivace danza di gruppo, in ritmo binario, diffusa in tutta Europa fra il Seicento e il primo Ottocento. Mozart ne scrisse parecchie, soprattutto dopo aver ricevuto la nomina a "Kammermusikus" imperiale, che lo impegnava a fornire di musica i balli di Carnevale al teatro di corte. La Controdanza K. 535 risale al 23 gennaio 1788 e la battaglia cui il titolo fa riferimento è l'assedio di Belgrado, riconquistata ai turchi dalle truppe imperiali del principe Eugenio nel 1717. Simili intenzioni descrittive (più che programmatiche) non erano infrequenti nelle musiche di danza dell'epoca, e Mozart stesso le praticò abbastanza spesso: qui sono aflidate soprattutto alla vivacità degli effetti ottenuti dal clarino (che è una tromba piccola) e dal tamburo militare, in un contesto scherzoso ma sempre di estremo controllo stilistico.


(1) Testo tratto dal Repertorio di Musica Classica a cura di Pietro Santi, Giunti Gruppo Editoriale, Firenze, 2001

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 23 agosto 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.