Glossario
Guarda il video



Divertimento per archi n. 3 in fa maggiore, K1 138 (K6 125c)

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
  1. Allegro (fa maggiore)
  2. Andante (do maggiore)
  3. Presto (fa maggiore)
Organico: archi
Composizione: Salisburgo, febbraio 1772

Guida all'ascolto (nota 1)

I Divertimenti, come del resto le Cassazioni, le Serenate e le cosiddette musiche notturne, sono legati al gusto settecentesco di far musica insieme e riflettono una identica struttura formale, in cui si alternano movimenti di danza e passaggi solistici e virtuosistici, riservati ad esecutori di talento, ma non necessariamente eccezionali. Per questa ragione i Divertimenti per archi di Mozart (quelli per strumenti a fiato meriterebbero un discorso a parte per una pi¨ libera invenzione e maggiore varietÓ di effetti sonori) sono musiche di piacevole ascolto, dalla scrittura semplice e lineare e dai giochi armonici chiari e precisi, che denotano un classicismo equilibrato e sereno. Si avverte, Ŕ vero, la presenza di uno stile cameristico di solida fattura e di luminosa civiltÓ, ma si Ŕ ancora distanti dal grande Mozart caratterizzato da una inesauribile capacitÓ creativa e da una profonda e personale forza espressiva. Il dato rilevante di questi Divertimenti Ŕ la limpidezza e la trasparenza quartettistica del suono e l'omogeneitÓ e la fusione del gruppo strumentale, in ubbidienza alle regole di un discorso musicale accessibile a tutti e senza quei tormenti spirituali e quei risvolti tragici che pur esistono nell'arte mozartiana.

Il Divertimento in fa maggiore K. 138 fu composto tra gennaio e marzo del 1772 e risente dell'influenza stilistica sia dei maestri italiani che di Michael Haydn, con una netta preferenza per il discorso melodico chiaro e scorrevole. Il primo Allegro si apre con un unýsono rievocante i modi dell'opera buffa per la freschezza e la spigliatezza dell'impianto armonico; due sono i temi che si snodano e si intersecano fra di loro e formano l'intelaiatura dello sviluppo secondo un gioco musicale brillante e piacevole. L'Andante Ŕ avviato dalla frase cantabile del primo violino su cui si innestano le altre parti con eleganti e nuove figurazioni; ad un certo punto il violoncello espone il suo tema su un accompagnamento sincopato degli altri archi e successivamente c'Ŕ un ritorno imprevisto di gusto italiano non alla prima, ma alla seconda frase musicale, leggermente variata negli accordi e nella disposizione armonica. Il finale Ŕ un delizioso rond˛ e il tema particolarmente gaio e spensierato viene esposto attraverso la forma della imitazione tra la viola e il violoncello e ripetuto per ben cinque volte, secondo i moduli ad incastro di scuola tedesca. Un sentimento di fresca e gioiosa cantabilitÓ distingue le amabili ultime battute del Presto di questo Divertimento.

Ennio Melchiorre


(1) Testo tratto dal progrmma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma Auditorio di Via della Concliazione, 14 marzo 1993

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 20 aprile 2012
html validator  css validator


Questo testo Ŕ stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed Ŕ utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.