Glossario



Divertimento per fiati n. 4 in si bemolle maggiore, K1 186 (K6 159b)

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
  1. Allegro assai (si bemolle maggiore)
  2. Minuetto (si bemolle maggiore)
  3. Andante (si bemolle maggiore)
  4. Adagio (si bemolle maggiore)
  5. Allegro (si bemolle maggiore)
  6. Trio (fa maggiore)
Organico: 2 oboi, 2 corni inglesi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni
Composizione: Milano, marzo 1773

Guida all'ascolto (nota 1)

È probabile che Mozart abbia iniziato la stesura del Divertimento KV 186 (159b) a Milano nei primi giorni del marzo 1773, poco prima della definitiva partenza per l'Italia, e l'abbia portata a termine una volta rientrato a Salisburgo. Così com'è probabile che il divertimento, caratterizzato da un organico singolare, sia legato con la partitura gemella KV 166 (159d) a una precisa commissione. In ogni caso, la composizione per soli fiati appartiene al filone delle musiche d'intrattenimento all'aria aperta per le quali Mozart dimostrerà in futuro una straordinaria sensibilità; il tono leggiadro e il disimpegno costruttivo si colgono fin dalla struttura e dalla brevità dei cinque movimenti, tutti, ad eccezione dell'Allegro finale, nella forma binaria propria dei tempi di danza. L'Allegro assai di apertura ha funzione introduttiva; dalla sequenza non può mancare poi il Menuetto, con Trio privo di corni e clarinetti; l'Andante e il cullante Adagio di inequivocabile matrice italiana introducono un'atmosfera di morbido abbandono; chiude, in buonumore, un sapido rondò.

Cesare Fertonani


(1) Testo tratto dallo speciale della rivista Amadeus, Ottobre 1995

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 10 agosto 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.