Glossario



Fantasia in fa minore per organo meccanico, K 608

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
  1. Allegro (fa minore)
  2. Andante (la bemolle maggiore)
  3. Allegro
Organico: Organo meccanico
Composizione: Vienna, 3 marzo 1791
Edizione: Traeg, Vienna 1799

Guida all'ascolto (nota 1)

La Fantasia in fa minore è la seconda di tre composizioni scritte da Wolfgang Amadeus Mozart per un'organo meccanico, su commissione del conte Deym. La prima è l'Adagio e Allegro in fa minore (K. 594), scritto tra l'ottobre e il dicembre del 1790; la terza è l'Andante in fa maggiore (K. 616), che porta la data 4 maggio 1791. Il 3 marzo dello stesso anno era stata terminata la Fantasia in fa minore. Il lavoro, che interessò a fondo Beethoven, che se ne fece una copia, è assai superiore alla sua destinazione. Carl De Nys ne rileva il carattere funebre, che l'apparenta strettamente all'analogo lavoro del 1790, scritto per la morte del maresciallo Laudon. La struttura è tripartita: Allegro, Andante, Allegro. I due movimenti laterali, anch'essi tripartiti, hanno il loro punto focale nella fuga (che diviene doppia nel secondo Allegro). L'Andante centrale è pagina d'intensa commozione, «una delle più avvincenti che Mozart abbia immaginato, fusione sorprendente delle forme del Lied, della Variazione, del Rondò» (De Nys).

Carlo Marinelli


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 9 febbraio 1968

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 13 dicembre 2012
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.