Glossario
Libretto dell'opera



La Finta Semplice

Opera buffa in tre atti, K1 51 (K6 46a)

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
Libretto: Marco Coltellini, da Goldoni

Personaggi:
Organico: 2 flauti, 2 oboi (anche corno inglese), 2 fagotti, 2 corni (anche corni da caccia), archi
Per i recitativi: clavicembalo e violoncello
Composizione: Vienna, aprile - luglio 1768
Prima esecuzione: Salisburgo, Rittersaal del Residenz-Theater, 1 maggio 1769

Sinossi

Luogo dell'azione: Nella campagna cremonese

ATTO PRIMO
Giardino di un palazzetto di campagna. - La vita dei nobili Cassandro e Polidoro viene turbata dall’arrivo del capitan Fracasso e del suo attendente Simone. I due militari ungheresi si innamorano rispettivamente della bella sorella dei due nobili, Giacinta, e della cameriera Ninetta. A complicare la vicenda giunge inaspettata anche la sorella di Fracasso, l’astuta e intraprendente Rosina (la ‘finta semplice’). La ragazza cerca di far innamorare di sé entrambi i titolati: se Polidoro è cedevole, Cassandro, di cui è noto l’odio per le donne, resta irremovibile.

ATTO SECONDO
Salone di Don Cassandro, con sedie e lumi perché è notte. - Cassandro ha invitato tutti a cena. Polidoro cerca di convincere Rosina a sposarlo, mentre Cassandro richiede villanamente alla ragazza un anello che malvolentieri le aveva regalato. Interviene allora Fracasso, che lo sfida a duello. Dopo la farsa del duello, viene escogitato un nuovo stratagemma: Giacinta e Ninetta fuggiranno di casa e si farà credere a Cassandro e Polidoro che siano scappate con tutto il denaro. A quel punto i due nobili stabiliscono di dare Giacinta in sposa a chi recupererà denaro e cameriera.

ATTO TERZO
Strada di campagna. - Finalmente anche Cassandro ha ceduto alle grazie di Rosina: la ragazza lo preferisce infatti a Polidoro, che monta su tutte le furie. Intanto Fracasso e Simone riportano le due donne e chiedono il premio pattuito. La ‘finta semplice’ ha trionfato e si può celebrare un triplo matrimonio. Solo il povero Polidoro resterà scapolo.

Distribuzione delle parti

Atto I:
Scena I:
  1. Bella cosa è far l'amore - Coro (Ninetta, Giacinta, Fracasso, Simone) - Allegro (re maggiore) - 2 flauti, 2 oboi, 2 corni, archi
    Ritiriamoci amici - Recitativo (Giacinta, Ninetta, Fracasso, Simone)
  2. Troppa briga a prender moglie - Aria (Simone) - Allegro (do maggiore) - archi
Scena II:
L'un de' patroni è alzato - Recitativo (Giacinta, Ninetta, Fracasso)
  1. Marito io vorrei, ma senza fatica - Aria (Giacinta) - Allegro grazioso (fa maggiore) - 2 oboi, 2 corni, archi
Scena III:
Oh starem male insieme - Recitativo (Fracasso)
  1. Non c'è al mondo altro che donne - Aria (Cassandro) - Allegro non molto (re maggiore) - archi
    Con chi l'ha Don Cassandro? - Recitativo (Fracasso, Cassandro)
  2. Guarda la Donna in viso - Aria (Fracasso) - Allegro moderato (sol maggiore) - 2 corni, archi
    Guarda la Donna in viso - Aria (Fracasso) - Adagio maestoso (sol maggiore). Andante. Allegro - 2 corni, archi [versione alternativa]
    Eh! ben, ben! ei vedremo - Recitativo (Cassandro)
Scena IV:
  1. Colla bocca e non col core - Aria (Rosina) - Andante (la maggiore) - 2 flauti, archi
    Sicchè m'avete inteso? - Recitativo (Ninetta, Rosina, Polidoro)
Scena V:
Oh la prendo da vero - Recitativo (Cassandro, Polidoro)
  1. Cosa ha mai la donna in dosso che mi piace tanto - Aria (Polidoro) - Allegro (si bemolle maggiore) - 2 oboi, 2 fagotti, 2 corni, archi
Scena VI:
Grand'uomo che son io - Recitativo (Cassandro, Rosina)
  1. Ella vuole ed io vorrei convenire non si può - Aria (Cassandro) - Moderato e maestoso (fa maggiore). Adagio. Moderato e maestoso - archi
Scena VII:
Eh ben, sorella mia? - Recitativo (Fracasso, Rosina, Ninetta)
  1. Senti l'eco ove t'aggiri sussurar tra fiori e fronde - Aria (Rosina) - Andante un poco Adagio (mi bemolle maggiore). Allegro grazioso. Andante un poco Adagio - oboe, 2 corni inglesi, 2 corni da caccia, archi
Scena VIII:
Ninetta, Che volete? - Recitativo (Polidoro, Ninetta, Fracasso)
  1. Chi mi vuol bene presto mel dica - Aria (Ninetta) - Tempo di Minuetto (si bemolle maggiore) - archi
Scena IX:
Adesso è fatto tutto - Recitativo (Polidoro)
  1. Dove avete la creanza? - Finale (Rosina, Ninetta, Giacinta, Polidoro, Fracasso, Simone, Cassandro) - Un poco Adagio (re maggiore). Andante. Allegro - 2 flauti, 2 oboi, 2 fagotti, 2 corni, archi
Atto II:
Scena I:
Sono i padroni miei a pranzo ancor - Recitativo (Ninetta, Simone)
  1. Un marito, donne care, ci bisogna ritrovare - Aria (Ninetta) - Andante (sol maggiore) - archi
Scena II:
Eh quando sia mia sposa la ridurrò - Recitativo (Giacinta, Simone)
  1. Con certe persone vuol esser bastone - Aria (Simone) - Allegro (re maggiore) - 2 oboi, 2 corni, archi
Scena III:
Non mi marito piu se al capitano - Recitativo (Giacinta, Polidoro)
  1. Se a maritarmi arrivo - Aria (Giacinta) - Allegro comodo (la maggiore) - 2 flauti, 2 corni, archi
Scena IV:
Quando avrò moglie anch' io esser - Recitativo (Polidoro, Ninetta)
Scena V:
  1. Amoretti che ascosi qui siete - Aria (Rosina) - Andante (mi maggiore) - 2 fagotti, archi
Madama, e fatto tutto la visita - Recitativo (Polidoro, Rosina, Ninetta)
Scena VI:
  1. Ubriaco non son io - Aria (Cassandro) - Allegro con brio (do maggiore) - archi
    L'ha coll'anello ancora - Recitativo (Rosina, Cassandro, Polidoro)
  2. Sposa cara, sposa bella - Aria (Polidoro) - Adagio (sol maggiore). Moderato. Adagio. Moderato - 2 oboi, 2 corni, archi
Scena VII:
L'ho fatta grossa assai - Recitativo (Cassandro, Rosina) - continuo ed archi
  1. Ho sentito a dir di tutte le piu belle - Aria (Rosina) - Allegro grazioso (fa maggiore). Allegretto - 2 oboi, 2 corni, archi
Scena VIII:
Sciocca è la Baronessa - Recitativo (Cassandro, Fracasso)
  1. Cospetton, cospettonaccio - Duetto (Fracasso, Cassandro) - Allegro (re maggiore) - 2 oboi, 2 corni, archi
Scena IX:
Dove andate, signore? - Recitativo (Rosina, Cassandro)
Scena X:
Siam quasi in porta adesso - Recitativo (Rosina, Fracasso)
Scena XI:
Vieni a tempo, Simone! - Recitativo (Fracasso, Simone, Ninetta)
  1. In voi belle e leggiadria se talor prega vi fate - Aria (Fracasso) - Andante grazioso (si bemolle maggiore). Allegro - 2 corni, archi
Scena XII:
Come andera, Simone - Recitativo (Ninetta, Simone)
Scena XIII:
  1. T'ho detto, buffone - Finale (Ninetta, Polidoro, Cassandro, Rosina, Fracasso, Simone) - Allegro molto (sol maggiore) - 2 flauti, 2 oboi, 2 fagotti, 2 corni, archi
Atto III:
Scena I:
  1. Vieni, vieni, oh mia Ninetta - Aria (Simone) - Un poco Adagio (fa maggiore) - 2 corni, archi
    Io non ho gran paura - Recitativo (Ninetta, Simone)
  2. Sono in amore, voglio marito - Aria (Ninetta) - Tempo di Minuetto (do maggiore). Allegro. Tempo di Minuetto. Allegro - 2 flauti, archi
    Sono in amore, voglio marito - Aria (Ninetta) - Tempo di Minuetto (do maggiore) - 2 flauti, archi [versione alternativa]
Scena II:
  1. Che scompiglio, che flagello - Aria (Giacinta) - Allegro (do minore) - 2 fagotti, 2 corni, archi
    Che smorfie, che paura! - Recitativo (Fracasso, Giacinta)
  2. Nelle guerre d'amore non val sempre il valore - Aria (Fracasso) - Andante maestoso (re maggiore) - 2 flauti, 2 oboi, 2 corni, archi
    Nelle guerre d'amore non val sempre il valore - Aria (Fracasso) - Andante maestoso (re maggiore) - 2 flauti, 2 oboi, 2 corni, archi [versione alternativa del movimento centrale: Chi stanca ed affatica]
Scena III:
E cosi Baronessa? - Recitativo (Rosina, Cassandro)
Scena IV:
Eh ben, quando facciamo questo nozze, signora? - Recitativo (Polidoro, Rosina)
  1. Se le pupille io giro amorosette - Finale (Ninetta, Giacinta, Rosina, Polidoro, Fracasso, Cassandro, Simone) - Andante (sol maggiore). Andante grazioso. Andante. Allegro. Allegro non presto. Un poco Adagio. Allegro. Andantino. Allegretto. Allegro - 2 flauti, 2 oboi, 2 fagotti, 2 corni, archi

Arie di rilievo

n. 2:    «Troppa briga a prender moglie» (Simone)
n. 8:    «Ella vuole ed io vorrei» (Cassandre)
n. 9:    «Senti l'eco ove t'aggiri» (Rosina)
n. 13:  «Con certe persone vuoi esser bastone» (Simone)
n. 15:  «Amoretti che ascosi qui siete» (Rosina)
n. 16:  «Ubbriaco non son io» (Cassandre)
n. 23:  «Sono in amore, voglio marito» (Ninetta)
n. 24:  «Che scompiglio, che flagello» (Giacinta)
n. 26:  Finale: «Se le pupille io giro amorosette» (tutti)

Commento (nota 1)

La prima opera italiana di Mozart mette in musica il dramma giocoso omonimo scritto da Goldoni nel 1764, utilizzando come modello la commedia di Philippe Destouches La fausse Agnès, ou le Poète campagnard (1734). Sul testo goldoniano intervenne Marco Coltellini, sostituendo due numeri nei primi due atti e rivoluzionando l’impianto del terzo.

Il testo comprende in tutto cinque concertati (ben tre finali, l’introduzione e un duetto) e alcune delle situazioni più ricorrenti nell’opera buffa, tra le quali il duello farsesco del secondo atto. In generale tutto il tono dell’opera rientra nell’ambito comico, come prova una serie di arie caratterizzate da alcune raffinate soluzioni compositive. Ad esempio l’aria della protagonista, Rosina, "Senti l’eco ove t’aggiri", in cui la melodia elegiaca dell’oboe obbligato viene accompagnata da corni inglesi e corni da caccia, a simboleggiare l’ambientazione arcadica della scena; oppure le pregevoli arie di Giacinta "Marito io vorrei" e "Sento l’alma che sen va", di Polidoro "Cosa ha mai la donna indosso" (la cui musica proviene dal Singspiel sacro KV 35), o di Fracasso "In voi belle è leggiadria".


(1) "Dizionario dell'Opera 2008", a cura di Piero Gelli, edito da Baldini Castoldi Dalai editore, Firenze

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.