Glossario



Fuga in do minore per due pianoforti, K 426

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart Organico: 2 pianoforti
Composizione: Vienna, 29 dicembre 1783
Edizione: Hoffmeister, Vienna 1788

Nel 1788 Mozart ne ha fatto una trascrizione per Quartetto d’archi K 546

Guida all'ascolto (nota 1)

La Fuga in do minore fu completata il 29 dicembre 1783. Essa viene alla conclusione di un periodo di infatuazione contrappuntistica dovuto all'incontro del musicista con le opere di J. S. Bach. La Fuga è a quattro voci, ricca di artifici contrappuntistici, stretti ed inversioni del tema. Il do minore, secondo la tradizione viennese, è una tonalità drammatica. Il tema ha difatti carattere di affermazione contrastata, carattere sottolineato dall'esordio volitivo e dalla conclusione cromatica. Questi due principi, ed il controsoggetto aperto da tre crome ribattute e concluso da un trillo, dominano l'intero pezzo, sottolineano la supremazia dell'emotività sulla scrittura rigorosa, e inducono Mozart ad un contrappunto selvaggio. L'immagine è quella di un turbine che travolga, in nome della passione, i generi e la loro codificazione storica.

Gioacchino Lanza Tomasi


(1) Testo tratto dal progrmma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 15 maggio 1974

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 2 agosto 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.