Glossario



Mentre ti lascio, o figlia, K 513

Aria in mi bemolle maggiore per basso ed orchestra

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
Testo: Sant’Angioli-Morbilli da La disfatta di Dario di Giovanni Paisiello
Organico: basso, flauto, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, archi
Composizione: Vienna, 23 marzo 1787
Edizione: Breitkopf & Härtel, Lipsia 1805

Guida all'ascolto (nota 1)

Quest'aria, che ha il numero di catalogo K. 513 e la cui pubblicazione risale al 23 marzo 1787, fu scritta da Mozart in omaggio ad un suo carissimo amico, Gottfried von Jacquin, che aveva una buona voce di baritono e una solida cultura musicale. Non si sa, però, per quale ragione Mozart abbia ricavato il testo di quest'aria dall'opera di Paisiello «La disfatta di Dario», un procedimento adottato altre volte dal compositore. Il brano, che si serve di un'orchestra d'archi ridotta con in più un flauto, due clarinetti, due fagotti e due corni, si apre con una dolce e cantabile introduzione strumentale prima che il baritono esprima la sua tristezza e la sua desolazione per l'addio di un padre alla figlia. Al Larghetto iniziale caratterizzato dal canto malinconico del solista sulle parole «Provo nel mio dolore le smanie e il terror» succede un tempo Allegro che è un dialogo tra gli strumenti a fiato e la voce, la quale raggiunge un ritmo più ansioso alla frase «Ahi! che partenza amara! Figlia, ti lascio».

Il punto culminante dell'aria, che è contrassegnata da molte corone della voce, è quando Dario pronuncia le parole «Parto, addio, tu piangi» di notevole forza espressiva. Nel Più Allegro finale sulle parole «Ah! mi si spezza il cor!» il sentimento diventa robusto e appassionato e conferma come Mozart sentisse anche il senso drammatico della vita.

Testo

Mentre ti lascio, oh figlia!
In sen mi trema il core!
Ahi! che partenza amara!
Provo nel mio dolore
Le smanie ed il terror!
Parto, tu piangi! oh Dio!
Ti chiedo un sol momento!
Figlia, ti lascio! oh Dio!
Che fìer tormento!
Ah! mi spezza il cor!
Parto! addio! tu piangi?


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di Via della Conciliazione, 23 maggio 1970

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 17 marzo 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.