Glossario



Die Maurerfreude, K 471

Cantata in mi bemolle maggiore per tenore, coro maschile ed orchestra

Musica:
Wolfgang Amadeus Mozart
  1. Sehen, wie dem starren Forscherauge - aria per tenore e coro - Allegro (mi bemolle maggiore)
  2. Sehen, wie die Weisheit - recitativo per tenore
  3. Nimm Geliebter diese Kron' - recitativo per tenore - Andante (sol minore). Presto
  4. Drum singet und jauchzet ihr BrŘder - aria per tenore e coro - Molto Allegro (mi bemolle maggiore)
Organico: tenore, coro maschile, 2 oboi, clarinetto, 2 corni, archi
Composizione: Vienna, 20 aprile 1785
Prima esecuzione: Vienna, Loggia "Zur gekr÷nten Hoffnung", 24 aprile 1785

Guida all'ascolto (nota 1)

Nel 1784 Mozart aderý con entusiasmo alla Massoneria, di cui condivideva gli ideali illuminati e umanitari assai diffusi nella Vienna del tempo. Molte sue composizioni di quegli e degli anni successivi, fino al vertice assoluto del Flauto magico, accolgono simbologie massoniche pi¨ o meno velate; ma non mancano tuttavia brani (Lieder, Cantate, musiche orchestrali) destinati espressamente a speciali occasioni o cerimonie della vita dell'associazione. La Cantata Die Maurerfreude ("La gioia massonica") Ŕ una di queste. Essa fu composta a Vienna il 20 aprile 1785, in previsione della cerimonia di conferimento del titolo di "Cavaliere dell'Impero" a Ignaz von Born, guida spirituale della Massoneria viennese, per le sue scoperte in campo scientifico: a ci˛ alludono i versi del testo di F. Petran, che iniziano con le parole "Il vedere come la natura scopra il suo volto / all'occhio del tenace ricercatore / questa Ŕ la delizia degli occhi dei massoni". La solenne funzione si tenne il 24 aprile presso la Loggia "Zur gekr÷nte Hoffnung" ("La speranza coronata"), alla quale erano affiliati sia Mozart sia suo padre Leopold. La splendida pagina, che appoggia la voce del tenore su una strumentazione delicata (archi, oboi, clarinetti, corni) nella tonalitÓ massonica per eccellenza di mi bemolle maggiore, mostra non solo tutta la serietÓ e l'entusiasmo del musicista nei confronti degli omaggi massonici, ma afferma anche un canto libero e personale all'interno del rigore cerimoniale.

Sergio Sablich


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto del Teatro dell'Opera di Roma, Roma, 7 giugno 2001

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 26 agosto 2012
html validator  css validator


Questo testo Ŕ stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed Ŕ utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.