Glossario



Non curo l'affetto d'un timido amante

Aria in mi maggiore per soprano ed orchestra, K6 74b

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
Testo: Pietro Metastasio dal "Demofonte" Organico: soprano, 2 oboi, 2 corni, archi
Composizione: Milano, inizio 1771

Guida all'ascolto (nota 1)

Ancora da Demofoonte (I, 7) è tratto il testo dell'aria «Non curo l'affetto» KV 74b presumibilmente scritta a Milano all'inizio del 1771 e destinata a un'accademia nel teatro di Pavia. È un'«aria di sdegno» con la quale Creusa, respinta da Timante, rinfaccia a Cherinto, che la ama, l'indecisione nel correre a vendicare l'offesa subita. In linea con le convenzioni e i codici retorici dell'opera seria settecentesca, che assegnano all'«aria di sdegno» una interpretazione musicale di impronta virtuoslstica, «Non curo l'affetto» comporta una scrittura vocale assai impegnativa. Nella parte principale, la disinvolta cantabilità della prima e della terza intonazione del testo traduce il tono di scherno con cui Creusa si rivolge a Cherinto; l'espressione dello sdegno in sé trova piuttosto sfogo nei lunghi ; vocalizzi della seconda e nella quarta intonazione. Nella parte secondaria, in minore e accompagnata dai soli archi, l'incedere franto degli incisi e delle frasi sembra invece mirato a rappresentare con derisione un terzo aspetto affettivo: l'indecisione e il timore di Cherinto, «timido amante [...] che trema se deve / far uso del brando».

Cesare Fertonani

Testo

«Non curo l'affetto
d'un timido amante,
che serba nel petto
sì poco valor;
che trema se deve
far uso del brando;
che audace è sol quando
si parla d'amor».


(1) Testo tratto dallo speciale della rivista Amadeus, Ottobre 1995

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.