Glossario
Guarda il video



Rond˛ per pianoforte ed orchestra in re maggiore, K 382

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
Organico: pianoforte, flauto, 2 oboi, 2 corni, 2 trombe, timpani, archi
Composizione: Vienna, marzo 1782

Finale sostitutivo per il Concerto K 175

Guida all'ascolto (nota 1)

Il vertice della produzione pianistica mozartiana degl anni di Vienna, dopo la rottura dei rapporti con l'arcivescovo di Salisburgo Hieronymus Colloredo che cacci˛ via in malo modo il musicista dalla sua corte, Ŕ rappresentato dai 17 concerti per pianoforte, che sono le opere pi¨ significative dell'imponente raccolta di 27 concerti, e dai due Rond˛ di concerto per pianoforte e orchestra in re maggiore e in la minore, rispettivamente K. 382 e K. 386. Lo stesso Mozart in una lettera del 28 dicembre 1782 scriveva a proposito delle sue prime creazioni viennesi di questo genere musicale źI concerti sono una via di mezzo fra il troppo difficile e il troppo facile, sono molto brillanti e piacevoli all'udito, naturalmente senza cadere nella vuotaggine. Qua e lÓ anche i conoscitori possono ricevere una soddisfazione, ma in modo che i non conoscitori devono essere soddisfatti, senza sapere perchÚ╗. Appunto per questo loro carattere brillante e piacevole, in cui tra l'altro lo strumento solista poteva dispiegare tutte le sue possibilitÓ tecniche, tali composizioni erano particolarmente gradite nei salotti dell'aristocrazia viennese e nelle riunioni private del prefetto della biblioteca di corte Gottfried van Swieten, ammiratore di Bach e di Hńndel; in queste serate musicali, chiamate anche accademie, Mozart si esibiva al pianoforte e riscuoteva eccellenti successi e qualche guadagno dovuto alle sottoscrizioni fatte da nomi importanti della pi¨ alta societÓ.

Oltre a lavori per questa specifica destinazione, Mozart soleva riproporre musiche scritte in precedenza, come ad esempio il Concerto in re maggiore K. 175, composto nel dicembre del 1773 a Salisburgo; non ritenendo per˛ sufficientemente vivace il finale di questo concerto, concepito in forma di sonata, egli volle scriverne nel marzo del 1782 uno nuovo in forma di rond˛ con variazioni e nacque cosý il Konzert-Rondo. Il tema del rond˛, un Allegretto grazioso quanto mai gustoso e carezzevole, viene esposto inizialmente pi¨ volte da tutta l'orchestra; quindi interviene il pianista da solo e nella seconda variazione si unisce all'intera orchestra. La terza variazione Ŕ articolata sugli arpeggi del pianoforte, prima con la mano destra e poi con la sinistra, mentre il tema viene accennato dolcemente dal flauto. Nella quarta variazione il pianoforte semplifica il tema, prima della ripresa in orchestra. Molto espressiva la quinta variazione in tonalitÓ minore affidata al solista, mentre la sesta variazione Ŕ piuttosto animata nel gioco timbrico fra il solista e il suono del flauto, dell'oboe e dei corni. La settima variazione Ŕ un a solo del pianoforte in tempo adagio, che precede e prepara psicologicamente l'allegro finale in 3/8, scoppiettante di brio e di trilli. Non manca la cadenza del solista concepita abbastanza liberamente, ma il discorso si avvia rapidamente alla stretta conclusiva fra una cascata di note e di suoni arpeggiati del pianista.

Ennio Melchiorre


(1) Testo tratto dal progrmma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma Auditorio di Via della Concliazione,27 novembre 1976

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 3 febbraio 2012
html validator  css validator


Questo testo Ŕ stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed Ŕ utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.