Glossario



Se tutti i mali miei

Aria in mi bemolle maggiore per soprano ed orchestra, K1 83 (K6 73p)

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
Testo: Pietro Metastasio dal "Demofonte" Organico: soprano, 2 oboi, 2 trombe, archi
Composizione: Roma, 25 Aprile 1770

Guida all'ascolto (nota 1)

Insieme con l'aria «Se ardire e speranza» KV 82 (73o), «Se tutti i mali miei» KV83 (73p) risale al soggiorno romano di Mozart, nella primavera del 1770. Il testo è ancora tratto da Demofoonte (II, 6): condannata a morte per essersi sposata in segreto con Timante, Dircea si rivolge a Creusa, destinata dal re Demofoonte a sposare lo stesso Timante, cercando di suscitare in lei compassione e proclamando la propria innocenza. Si tratta, in sostanza, di una aria patetica. L'interpretazione mozartiana appare ispirata e di ammaliante amorevolezza nella parte principale: una vellutata e malinconica morbidezza connota le quattro successive intonazioni del testo, nelle quali il semplice canto sillabico si avvicenda a una condotta poco più fiorita e ad alcuni espressivi passaggi vocalizzati in prossimità delle cadenze. Assai più convenzionale e perfino antiquata risulta invece la parte secondaria.

Cesare Fertonani

Testo

Se tutti i mali miei
io ti potessi dir,
divider ti farei
per tenerezza il cor.
In questo amaro passo
sì giusto è il mio martir,
che, se tu fossi un sasso,
ne piangeresti ancor.

(1) Testo tratto dallo speciale della rivista Amadeus, ottobre 1995

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.