Glossario



Sonata n. 16 in si bemolle maggiore per pianoforte, K 570

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
  1. Allegro (si bemolle maggiore)
  2. Adagio (mi bemolle maggiore)
  3. Allegretto (si bemolle maggiore)
Organico: pianoforte
Composizione: Vienna, Febbraio 1789
Edizione: Bureau d'Art et d'Industie, Vienna 1805

Guida all'ascolto (nota 1)

Del febbraio 1789 - dunque precedente di pochi mesi - è la Sonata in si bemolle maggiore K. 570. Anche in questo, come in molti altri casi, è ignota la destinazione dello spartito che comunque ha quali caratteristiche di base una estrema piacevolezza e un contenuto tecnico non particolarmente complesso; non si tratta insomma di una Sonata "da concerto", ma piuttosto di un brano pensato per qualche illustre committente o per un'allieva non principiante. C'è comunque, rispetto alle Sonate degli anni precedenti, un uso quasi parsimonioso del materiale che va in direzione di una semplicità espressiva tipica degli ultimi anni di Mozart.

L'Allegro iniziale si basa su un unico tema principale che viene presentato in due vesti differenti ma non contrastanti fra di loro; infatti, quando torna come seconda idea, viene ad esso sovrapposta una melodia diversiva. La scorrevolezza brillante della pagina è incrinata, nella sezione dello sviluppo, da quelle implicazioni malinconiche che sono ricorrenti nell'ultimo Mozart.

L'Adagio centrale è invece un movimento di grande nobiltà espressiva; si apre con un tema ad accordi e si anima poi con un tema elegiaco dall'accompagnamento ribattuto; ma tutto questo lungo tempo centrale presenta una alternanza di situazioni che non contraddicono mai la sua profondità concettuale.

Quanto all'Allegretto finale, si tratta di un movimento breve e brillante, il cui tema principale ha quasi il carattere di Gavotta, mentre gli episodi secondari costituiscono dei diversivi gustosi e quasi giocosi, in perfetta coerenza con l'assunto di base della pagina.

Arrigo Quattrocchi


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorium Parco della Musica, 27 Febbraio 2009, Andras Schiff pianoforte

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 13 luglio 2011
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.