Glossario



Sonata n. 18 in fa maggiore per pianoforte, K 533

Musica: Wolfgang Amadeus Mozart
  1. Allegro (fa maggiore)
  2. Andante (si bemolle maggiore)
  3. Rond˛. Andante (fa maggiore)
Organico: pianoforte
Composizione: Vienna, 3 Gennaio 1788

Il terzo tempo utilizza il Rond˛ K. 494

Guida all'ascolto (nota 1)

Il 10 giugno 1786 Mozart inseriva nel suo catalogo personale "Un piccolo Rond˛ per pianoforte solo", in fa maggiore. Questo Rond˛ K. 494 era nato forse per far parte di un ciclo di tre Rond˛ destinati, in origine, a una pubblicazione congiunta - gli altri due erano il Rond˛ in re maggiore K. 485, e il Rond˛ in la minore K. 511, compreso nel presente concerto. Questo progetto doveva per˛ essere modificato. Il 3 gennaio 1788 il catalogo del compositore si arricchiva di Un Allegro e Andante per pianoforte solo K. 533, movimenti concepiti per essere aggiunti al preesistente Rond˛ K. 494, e definire cosý una intera nuova Sonata, pubblicata poi nel corso dell'anno dall'editore Hoffmeister.

Il risultato Ŕ quello di uno spartito perfettamente organico, che aderisce in pieno al gusto intrattenitivo, facendo ricorso per˛ a una scrittura sofisticata, che rivela insistentemente l'interesse del compositore verso le tecniche contrappuntistiche, assimilate con lo studio dei lavori di Bach e Hńndel compiuto negli anni viennesi. Non a caso nel primo tempo, Allegro, il materiale tematico Ŕ estremamente sobrio; ciascuno dei due temi principali viene presentato dalla sola mano destra, e viene poi ripetuto in combinazioni polifoniche di vario tipo; un terzo tema che appare nella coda si impone nello sviluppo, dando luogo a ingegnose combinazioni con la prima idea.

Il centrale Andante, in forma-sonata, Ŕ un movimento di estrema concentrazione espressiva, ispirato a Carl Philipp Emanuel Bach nel suo stile sentimentale ma ricco di elementi inconfondibili dell'autore, come il cromatismo e la vastitÓ del piano tonale; notevole Ŕ soprattutto il procedimento meticoloso con cui Mozart riesce a conferire al discorso una animazione progressiva, basata su una intensificazione della lunghezza delle frasi, della pienezza della scrittura e della ritmica.

Il finale non Ŕ solo "Un piccolo Rond˛", come lo definý l'autore, ma un movimento di vasto impianto e di perfetto equilibrio; nell'aggiungerlo agli altri due tempi Mozart vi inserý una vasta cadenza prima della fine, avviata da progressive imitazioni che salgono dal basso agli acuti della tastiera, richiamando, con coerenza, l'assunto polifonico del tempo iniziale.

Arrigo Quattrocchi


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorium Parco della Musica, 6 Marzo 2009, Andras Schiff pianoforte

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 14 luglio 2011
html validator  css validator


Questo testo Ŕ stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed Ŕ utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.