Glossario



Ninna nanna dei contadini

Led per voce e pianoforte

Musica: Modest Musorgskij
Testo: A. N. Ostrovskij
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1865
Edizione: Bessel, San Pietroburgo, 1871; 1908 (con orchestrazione di Rimskij-Korsakov)
Dedica: J. I. Musorgskaja

Due versioni entrambe del 1865

Testo (nota 1)

Ninna nanna, bel nipotino, addormentati figlio dei contadini,
ninna nanna. Finora i nonni ignoravano le disgrazie, ma una
disgrazia s'è tirata dietro un'altra, assieme all'affanno e alla
sfortuna, ninna nanna, nipotino mio, dormi tranquillamente,
addormentati figlio dei contadini!
Lavorando, supereremo la disgrazia, pur se il lavoro
è duro, spietato, estraneo a noi.
Col tuo corpicino bianco giaci nella culla,
mentre la tua piccola anima vola in cielo,
sul tuo sonno sereno veglia Dio stesso,
ai suoi lati gli angeli splendenti di luce.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,Roma, Auditorio di Via della Conciliazione, 11 Dicembre 1981; Galina Vishnevskaya soprano

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 3 settembre 2011
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.