Glossario



L'orfanello

Lied per voce e pianoforte

Musica: Modest Musorgskij
Testo: proprio
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1868
Edizione: Bessel, San Pietroburgo, 1911
Dedica: K. S. Borodina

Testo (nota 1)

Abbi pietà, gentile signore, di me, povero orfanello,
povero orfanello senza casa, abbi pietà, padroncino caro,
mi nutro di freddo e di fame,
e mi copro di notte con la tempesta,
con la neve, col vento.
La gente generosa mi offre, quando sente i miei lamenti,
mi offre gli insulti, le botte, le minacce.
Dalla gente mi nascondo nel bosco fitto,
da cui mi caccia fuori la fame rabbiosa,
non resisto più, ho sete, ho fame,
gentile signore, padroncino mio, abbi pietà,
mi spaventa il morire di fame,
il freddo m'arresta il sangue.
Padrone mio abbi pietà
di me, povero orfanello.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 11 dicembre 1981

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2011
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.