Glossario



Savisna

Lied per voce e pianoforte

Musica: Modest Musorgskij
Testo: proprio
Organico: voce, pianoforte
Composizione: San Pietroburgo, 14 settembre - 9 ottobre 1866
Edizione: Johannson, San Pietroburgo, 1867
Dedica: Ts. A. Cui

Testo (nota 1)

Luce mia, Savisna, anima mia,
amami anche se son fuori di senno,
amami anche se sono sfortunato,
non aver ribrezzo verso di me,
non aver ribrezzo del mio destino disgraziato,
vedi, son nato per far ridere la gente,
che poi si prende gioco di me, mi credono pazzo,
mi chiamano «Vania di Dio». E a questo Vania di Dio
la gente dà calci nella schiena, percosse sul collo.
Quando è un giorno di festa, tutti indossano i vestiti più belli, 
sì adornano di bei nastri rosa, e poi portano qualche briciola di pane
a Vania dolente, per non dimenticarsi di Vania di Dio.
Luce mia, Savisna, anima mia, amami anche se sono brutto, dammi una carezza, dalla a me, solo e abbandonato.
Quanto ti amo, luce mia, Savisna, anima mia,
credilo o no, ti amo, ti amo tanto,
da non saper dire quanto.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 11 dicembre 1981

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2011
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.