Glossario



Concerto in do maggiore per violoncello e orchestra

Musica: Ildebrando Pizzetti
  1. Concitato
  2. Largo
  3. Allegro energico, ma non troppo mosso
Organico: violoncello solista, ottavino, 2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 4 corni, 2 trombe, timpani, tamburo militare, piatti, grancassa, tam-tam, arpa, archi
Composizione: 1933 - 1934
Prima esecuzione: Venezia, Teatro La Fenice, 11 settembre 1934
Edizione: Ricordi, Milano, 1935

Guida all'ascolto (nota 1)

Il Concerto per violoncello e orchestra, fu composto da Pizzetti nel 1934, mentre attendeva alla creazione di Orseolo. Di questo lavoro scrive G. M. Gatti: «Il Concerto in do per violoncello e orchestra segna un ritorno al sobrio fermo classico melodizzare delle Sonate da camera. Nel primo tempo soprattutto, riappaiono i modi tipici della Sonata per violino, nella gagliarda impostazione tematica, e nel gioco dei rapporti fra lo strumento solista e l'orchestra: tutto vi è tema, sostanza, verbo. Il violoncello tende al registro acuto, con una liberissima declamazione melodica, in cui si ravvisano i caratteristici intervalli melodici pizzettiani laddove l'orchestra impone la sua quadrata struttura, sin dall'inizio, con il tema di tutti gli archi all'unisono, non senza che s'odano già i primi accenni al contrasto, adombrato in brevi frammenti tematici, come quello tipicamente lirico e vocale dei legni.

Il secondo tempo si sviluppa in un'atmosfera di dolcezza, tutto pieno di sussurri, di echi, di suggerimenti: ombre di sogni a svaniti (come nel vaghissimo episodio in tempo di marcia, con il richiamo dei corni e il rullo dei tamburi), sino a sfociare nell'ampia melodia dal violoncello, una delle più ariose ispirazioni del compositore».

Come tutte le pagine migliori di Pizzetti, anche questo pare come il frutto di una «morale» artistica: in esso, la drammaticità del primo tempo si trasforma in una specie di tensione espressiva, vibrante - come l'attesa della risoluzione di un dramma. La quale si realizzerà e si concluderà appunto nell'Allegro energico finale.

Domenico De Paoli


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 13 gennaio 1963

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 4 dicembre 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.