Glossario



La madre al figlio lontano

per voce e pianoforte

Musica:
Ildebrando Pizzetti
Testo: Romualdo Pantini
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1910
Edizione: A. Forlivesi & C., Firenze, 1916
Dedica: A Stanislao Callo

Testo (nota 1)

O figlio, o figlio, in che mondo ti trovi?
Da quanti mesi qua sola t'aspetto!
Ogni mattina riguardo il tuo letto:
è sempre intatta coi lenzuoli novi,
ed ogni sera mi rimetto a farlo
e lungamente ti sorrido e parlo.

E come spiego i candidi lenzuoli,
dico che tanta pace ti consoli.

Scuoto i cuscini, li dispongo e dico:
l'amor più bello e il più fedele amico!

E poi rincalzo intorno le coperte:
così d'argento sette sacchi e sette!

O figlio, figlio, nel tuo letto bianco
torna una sola notte a riposare:
forse dormi sui monti o lungo il mare:
ti manca un letto quando sei più stanco.
E il tuo bel letto lo ritrovo intatto,
e dentro il petto mi ribevo il pianto :

Ma questa sera son tranquilla,
sento che torni a casa e dormi nel tuo letto.

Accendi il lume, fermati un momento,
guarda il cuscino bello di merletto.

L'ho rinnovato quando mi sei nato:
pel tuo ritorno, figlio, l'ho serbato!


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 29 aprile 1927

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 22 febbraio 2017
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.