Glossario



La festa delle Panatenee

Suite per orchestra dalla musica di scena

Musica:
Ildebrando Pizzetti
  1. Preludio
  2. Danza per l'offerta del peplo
  3. Corteo di marcia
Organico: ottavino, 2 flauti, 2 oboi, corno inglese, 2 clarinetti, clarinetto basso, 2 fagotti, controfagotto, 4 corni, 3 trombe, 3 tromboni, basso tuba, timpani, percussioni, 2 arpe, archi
Composizione: 1936
Edizione: Ricordi, Milano, 1937

Guida all'ascolto (nota 1)

Come è noto, le Panatenee erano le feste che si celebravano in Atene, nell'antica Grecia, in onore di Pallade Atena, la dea della forza e della prudenza, protettrice della città. Esse consistevano in gare ginniche e musicali, in processioni nelle quali si portava alla statua della dea, sull'Acropoli, un sontuoso peplo tessuto dalle donne ateniesi, e in un grande sacrificio di buoi coronato da un banchetto in comune. Lo svolgimento di queste varie fasi è riprodotto nel fregio marmoreo del Partenone; e ad esso sono stati ispirati gli spettacoli svoltisi due anni fa a Pesto [1935 n.d.r], per i quali appunto Pizzetti scrisse la musica corale e strumentale destinata ad accompagnare tutta la visione plastica. L'Autore stesso poi ne ha tratto la suite puramente strumentale che viene oggi eseguita per la prima volta, e si compone di tre parti: Preludio - Danza per l'offerta del peplo - Corteo di marcia.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Teatro Adriano, 21 novembre 1937

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 17 gennaio 2017
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.