Glossario



La notte è triste (Notch petchalna), op. 26 n. 12

per voce e pianoforte

Musica: Sergej Rachmaninov
Testo: Bunin
Organico: voce, pianoforte
Composizione: agosto - settembre 1906
Prima esecuzione: Mosca, 12 febbraio 1907

Testo (nota 1)

Triste è la notte, come i miei sogni...
Lontano, nel cuore della steppa sconfinata,
scintilla appena una luce solitaria...
Il mio cuore è intriso di tristezza ed amore.
Ma a chi si può confidare, come si può confidare
ciò che assilla, ciò che tormenta il tuo cuore?
Il sentiero è lungo, tutta la vasta steppa è silenzio.
Triste è la notte come i miei sogni.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 18 febbraio 1977

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 18 ottobre 2013
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.