Glossario



Sainte

per voce e pianoforte

Musica: Maurice Ravel
Testo: Stéphane Mallarmé
Organico: voce, pianoforte
Composizione: Parigi, dicembre 1896
Prima esecuzione: Parigi, Cercle d'Art Moderne, 8 Giugno 1907
Edizione: Durand, 1907
Dedica: Madame Edmond Bonniot, nata Mallarmé

Guida all'ascolto (nota 1)

Il primo incontro di Ravel con la poesia moderna, anzi con la poesia francese tout court, è del 1894, quando egli ha appena diciannove anni: una Ballade de la reine morte d'aimer, che non è stata pubblicata, e probabilmente giace negli archivi dell'Istituto Ravel di Parigi. Autore del testo, un poeta belga, Roland de Marès, allora assai giovane: che poi - al dire di José Bruyr - 'abbandonò la dolce Polinnia per la megera politica'. Interessa comunque segnalare questo immaturo incontro, che testimonia di un'attenzione al clima decadente della lirica belga: da essa erano usciti il Samain caro a Franck, il Rodenbach che aveva sedotto più di un compositore, il Verhaeren intonato nel '99 (Si morne), il gran maestro Maeterlinck, tacendosi del Guiraud di Pierrot lunaire. Ma il gusto per il béguinage di Bruges la morta, i canali nebbiosi e le fanciulle che muoiono di mali ignoti alla patologia ufficiale, fu naturalmente solo una giovanile infatuazione, nel musicista basco. Il secondo lavoro, Un grand sonimeil noir, uscito postumo per le cure del citato Istituto, affronta, debussianamente, Verlaine.

Nel 1896 esce la prima lirica, la emblematica, araldica Sainte del divino Stéphane. (Al quale Ravel tornerà soltanto nel 1913, ma con un lavoro supremo, i Trois poèmes de Stéphane Mallarmé, che a tutt'oggi costituiscono, con buona pace degli illustri Claude Debussy e Pierre Boulez, il vero, l'assoluto 'portrait de Mallarmé').

Sainte nasce in un ambito musicale assai preciso: i suoi vicini naturali, omettendosi la questione annosa degli influssi, e delle precedenze, sono il primo Debussy e il Satie delle Sarabandes: è probabile che proprio quelle impavide serie di none maggiori, intese come blocs o grumi sonori, al di fuori di ogni dialettica armonica, siano  l'exemplum del nostro neofita mallar meano. Del pari, non si dovranno trascurare le soluzioni accordali delle Proses lyriques debussiane.

Sulla serie insistente di accordi (settime, none prevalendo), la linea vocale, estremamente semplice, per gradi diatonici il più possibile congiunti, schiva accortamente la inequivoca identificazione tonale. La prima frase, ad esempio, potrebbe intendersi anche in fa maggiore, mancando la sensibile mi, e per di più è innestata, 'liturgicamente', in un'armonia indicata con bastante precisione da due bemolli in chiave.

Mario Bortolotto

Testo


SAINTE
 
A' la fenêtre recelant
Le santal vieux qui se dédore
De sa viole étincelant
Jadis avec flûte ou mandore,

Est la Sainte pâle, étalant
Le livre vieux qui se déplie
Du Magnificat ruisselant
Jadis selon vêpre et complie:

A'ce vitrage d'ostensoir
Que frôle une harpe par l'Ange
Formée avec son vol du soir
Pour la délicate phalange

Du doigt que, sans le vieux santal
Ni le vieux livre, elle balance
Sur le plumage instrumental,
Musicienne du silence.
SANTA

Alla finestra che asconde
il vecchio sandalo che si sdora
della sua viola scintillante
un tempo con flauto e mandola,

sta la Santa pallida, aprendo
il vecchio libro che si spiega
del Magnificat scorrente
un tempo secondo vespro e compieta:

a quel vetro d'ostensorio
che sfiora un'arpa dall'Angelo
formata col suo volo di sera
per la delicata falange

del dito che, senza il vecchio sandalo
né il vecchio libro, essa fa oscillare
sul piumaggio strumentale,
musicista del silenzio.

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 24 gennaio 1975

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 4 novembre 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.