Pioggia per voce e pianoforte, P 90 n. 6


Musica: Ottorino Respighi (1879 - 1936)
Testo: Vittoria Aganoor Pompili Organico: mezzosoprano, pianoforte
Composizione: 1909
Prima esecuzione: Bologna, Accademia Filarmonica, 23 aprile 1912
Edizione: Bologna, Bongiovanni, 1911
Testo (nota 1)

PIOGGIA

Piovea; per le finestre spalancate
A quella tregua di ostinati ardori
saliano dal giardin fresche folate
d'erbe risorte e di risorti fiori.
S'acchetava il tumulto dei colori
sotto il vel delle gocciole implorate;
E intorno ai pioppi ai frassini agli allori
Beveano ingorde le zolle assetate.
Esser pianta, esser foglia, esser stelo
E nell'angoscia dell'arder (pensavo)
Così largo ristoro aver dal cielo!
Sul davanzal protesa io gli arboscelli,
I fiori, l'erbe guardavo, guardavo...
E mi battea la pioggia sui capelli.

(Testo di Vittoria Aganoor Pompili)
(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di Via della Conciliazione, 7 Ottobre 1995


I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.


Ultimo aggiornamento 8 dicembre 2014