Glossario



Alla caccia di tiranna beltà

Cantata per contralto e basso continuo

Musica:
Domenico Scarlatti
Testo: autore ignoto
Organico: contralto, basso continuo
Composizione: data sconosciuta

Guida all'ascolto (nota 1)

La cantata, «Alla caccia, alla caccia!», composta per l'organico base di voce e basso continuo, attraverso due brevissimi recitativi ed altrettante arie sviluppa la metafora venatoria proposta dai modesti versi di gusto scopertamente barocco: la caccia d'amore in cui l'amante dovrà inseguire una preda che sa bene come difendersi. Se il primo recitativo è vivacizzato dall'incresparsi della parte vocale in tradizionali madrigalismi a «correr» e «lamenti», è con l'aria successiva, scritta nella forma col da capo, che si potrà attingere a una pregnanza musicale degna di nota. Il basso vi conferisce un impulso dinamico implacabile, che offre il destro alla voce per esprimere i bellicosi imperativi del testo. Quando l'io lirico avrà compianto nel secondo recitativo la propria sorte con un patetico «Ahi, lasso», debitamente esasperato dalle risorse della musica, l'altra aria (come la prima in modo minore: quella in la, questa in mi) ripropone un meccanismo motorio innescato dal basso e aggravato da un supplemento di ferocia, tra eroici ritmi puntati e salti d'ottava. Sin dall'incipit la voce propone un'intonazione stentorea sui gradi dell'arpeggio (a imitazione del gesto "ascendente" implicito nell'esortazione d'apertura: «Su»), per concedersi qualche indugio nella sezione B.

Raffaele Mellace

Testo

Recitativo:

Alla caccia, alla caccia!
Di tiranna beltà seguiam la traccia.
Sciogli, o mio fido core,
i veltri de'sospiri
nella gelosa selva dei martiri,
dove ci attende il cacciator d'amore.
I pensieri seguaci
siano al correr veloci
ed al ferire intenti;
sian pronti al varco i flebili lamenti.

Aria:

Nel monte e nella selva
l'orme di cruda belva
seguite, o miei pensier,
per vendicarvi.
Stringete le sue frodi
con mille e mille nodi,
che l'empia asconde in sen
un core menzogner
per ingannarvi.

Recitativo:

Su, la fiera stringete,
formategli d'affanni un'aspra rete.
Non la mirate in volto,
che qual Medusa, ahi lasso,
le speranze d'amor converte in sasso.
Cauti, del labbro infido
non ascoltate i menzogneri accenti, 
e dell'occhio omicida
non incontrate il velenoso sguardo,
che modesto e bugiardo
sotto candido volto e nera fede
asconde il tradimento,
ferisce, uccide e fugge poi qual vento.

Aria:

Su, mio core, al cimento, al periglio!
Le lusinghe del labbro e del ciglio
di quel volto t'avvezza a schernir.
Cangia aspetto la fiera ogni istante,
poiché infida spietata incostante,
se t'alletta, sol pensa a tradir.


(1) Testo tratto dal libretto inserito nel CD allegato al n. 153 della rivista Amadeus

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 7 febbraio 2017
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.