Glossario



Sonata in sol maggiore, K 124

Musica: Domenico Scarlatti
Organico: clavicembalo
Composizione: prima del 1749

Guida all'ascolto (nota 1)

La Sonata K. 124 si apre in Allegro e nel metro di 3/8. Il clavicembalo diffonde ghirlande di agili terzine, il cui movimento sembra animare un pulviscolo iridescente, ad annullare la consistenza della materia. Dietro lo spensierato scintillio delle tonalità maggiori (sol, re, la), la sonata rivela inopinatamente l'altro volto di un Giano bifronte: interrompe infatti la sua corsa alacre a più riprese, a spalancare bruscamente abissi di un'inquietudine lacerante, che si esprime attraverso una scrittura patetica, in modo minore (anche in tonalità remotissime: si passa senza mediazioni - soltanto con la brutale interruzione di una pausa - da re maggiore a fa minore).

Raffaele Mellace


(1) Testo tratto dal libretto inserito nel CD allegato al n. 153 della rivista Amadeus

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 6 gennaio 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.