Glossario



Sonata in fa maggiore, K 6

Musica: Domenico Scarlatti
Organico: clavicembalo
Composizione: prima del 1738
Edizione: in Essercizi per Gravicembalo, Fortier, Londra, 1738

Guida all'ascolto (nota 1)

La Sonata K. 6 appartiene alla prima raccolta a stampa scarlattiana, i trenta Essercizi per gravicembalo pubblicati a Londra probabilmente nel 1738, nei quali, a detta di Ralph Kirkpatrick, il compositore raggiunge «una duttilità senza precedenti, non solo nel manipolare la sonorità del clavicembalo, ma anche nel conferire varietà e leggerezza alla forma binaria, solitamente statica». Nella sonata (tonalità di fa maggiore) il gesto d'apertura è una misteriosa fanfara, che lascia immediatamente il campo a scorribande di terzine che s'inabissano nella regione grave. Ma proprio allora, a confermare l'impressione di un'inventiva inesausta e apparentemente casuale, all'altro capo della tastiera germoglia un motivo destinato a grande rilievo nel corso della sonata.

Raffaele Mellace


(1) Testo tratto dal libretto inserito nel CD allegato al n. 153 della rivista Amadeus

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 7 febbraio 2017
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.