Glossario



Dreimal Tausend Jahre, op. 50a

per coro a cappella

Musica:
Arnold Schönberg
Testo: Dagobert David Runes
Organico: coro misto senza accompagnamento
Composizione: 20 aprile 1949
Prima esecuzione: Fylkingen, 29 ottobre 1949
Edizione: Schott, Magonza

Guida all'ascolto (nota 1)

Il brano che va sotto il nome di «Dreimal Tausend Jahre» (Tremila anni) è stato composto nel 1949 su testo di Dagohert D. Runes celebrante il terzo millennio della fondazione del tempio di Gerusalemme. Ci si richiama agli antichi canti del popolo israeliano in onore della divinità e l'impianto formale ha il carattere di un inno polifonico, contenuto in sole 35 battute.

Ennio Melchiorre

Testo
DREIMAL TAUSEND JAHRE
 
Dreimal tausend Jahre seit ich dich gesehn, Tempel in Jerusalem, Tempel meiner Wehn!
Und ihr Jordanwellen, silbern Wüstenband; Gärten und Gelände grünen, nueus Uferland, und man hört es klingen leise von den Bergen her. Deine allverschollnen Lieder, künden Gottes Wiederkehr.
TREMILA ANNI

Tre volte mille anni sono da che ti vidi, Tempio di Gerusalemme, Tempio del mio dolore!
E voi onde del Giordano, nastro argenteo nel deserto; verdeggiano giardini e terre, nuove rive sul fiume e dai monti risuona piano un'eco.
I tuoi canti ormai spenti annunciano il ritorno di Dio.

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 29 novembre 1974

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 19 febbraio 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.