Glossario



Fantasia in do minore per pianoforte, D. 2e

sopra temi di Mozart

Musica:
Franz Schubert
Organico: pianoforte
Composizione: 1811
Edizione: inedito

In origine catalogata come D. 993

Guida all'ascolto (nota 1)

Rimasta sconosciuta per lungo tempo, la «Fantasia» in do minore è stata ritrovata manoscritta alcuni anni fa, a Malmò, in Svezia. Si tratta di una composizione giovanile che gli esperti fanno risalire al 1813, ossia all'anno in cui il sedicenne Schubert si trovava allo «Stadtkonvit» di Vienna: una sorta di Conservatorio, dove gli allievi venivano istruiti in canto corale, strumento ed esercitazioni d'insieme, ricevendo nel contempo un insegnamento letterario. Il padre di Schubert - che voleva fare di suo figlio un istitutore e non un compositore (a quei tempi, in Austria, il maestro elementare doveva saper suonare bene e insegnare canto ai fanciulli... proprio come oggi nel Paese della Musica...) - aveva espressamente proibito a Franz di scrivere musica («carmina non dant panem»), sicché l'adolescente doveva comporre di nascosto. Ce lo conferma il suo condiscepolo Joseph von Spaun, che così ne scrisse: «Lo trovai, un giorno, solo nella sala di musica, seduto al pianoforte, che già suonava assai bene con le sue piccole dita. Stava studiando una Sonata di Mozart e mi disse che gli piaceva, ma che trovava Mozart molto difficile. Gli chiesi di farsi ascoltare da me, e mi suonò un suo Minuetto. Dapprima si comportò timidamente, arrossendo, ma poi i mìei complimenti lo rinfrancarono. Mi disse che traduceva spesso in musica i suoi pensieri, ma in segreto, poiché guai se suo padre l'avesse saputo!».

Nonostante trovasse Mozart «assai difficile», il giovane Schubert lo adorava. Erano, quelli, tempi in cui amare Mozart significava non conformarsi al gusto corrente che portava sulla cresta dell'onda gli Steibelt, Hummel, Cramer, Spohr, Rosenberg, ecc. Contro tale gusto, Schubert afferma nella «Fantasia» in do minore la sua devozione mozartiana e la sua «serietà» artistica, riprendendo testualmente non solo il tema della «Fantasia» nella stessa tonalità del Salisburghese, ma elaborandolo nei modi di un «hommage» al suo idolo giovanile.

Nicola Costarelli


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 27 gennaio 1967

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 11 marzo 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.