Glossario



Am Fenster (Alla finestra), op. 105 n. 3, D. 878

Lied per voce e pianoforte

Musica:
Franz Schubert
Testo: Johann Gabriel Seidl
Organico: voce, pianoforte
Composizione: marzo 1826
Edizione: Czerny, Vienna, 1828

Testo (nota 1)

AM FENSTER ALLA FINESTRA
Ihr lieben Mauern, hold und traut,
Die ihr mich kühl umschliesst,
Und silberglänzend niederschaut,
Wann droben Vollmond ist!

Ihr saht mich einst so traurig da,
Mein Haupt auf schlaffer Hand, -
Als ich in mir allein mich sah,
Und Keiner mich verstand.

Jetzt brach ein ander Licht heran,
Die Trauerzeit ist um:
Und manche ziehn mit mir die Bahn
Durch's Lebensheiligtum:

Sie raubt der Zufall ewig nie
Aus meinem treuen Sinn:
In tiefster Seele trag' ich sie, -
Da reicht kein Zufall hin.

Du Mauer wähnst mich trüb' wie einst,
Das ist die stille Freud';
Wenn du vom Mondlicht widerscheinst,
Wird mir die Brust so weit,

An jedem Fenster wähnt' ich dann
Ein Freundeshaupt, gesenkt,
Das auch so schaut zum Himmel an,
Das auch so meiner denkt!
Mura familiari, così care e prossime al mio cuore,
che fredde mi tenete fra le vostre braccia,
e mi contemplate coi raggi d'argento,
quando su nel cielo c'è il plenilunio!

Quanto triste, una volta, quanto triste m'avete visto,
col mio capo sepolto tra le mani,
quando io, solitario, guardavo in me,
e nessuno mi comprendeva.

Ora però è apparsa un'altra luce,
a sbaragliare la tristezza,
e parecchi mi indicano la strada, mi accompagnano
attraverso la felicità della vita.

Un'occasione del genere sfuggirà,
non più dal mio cuore fedele,
nel più profondo dell'anima la porto con me
dove nessuna occasione me la toglierà.

Tu o muro mi vedi triste come una volta,
questa è la tranquilla mia gioia;
quando tu rifletti i raggi della luna,
il mio petto si apre come non mai.

Ad ogni finestra mi sembra
di vedere un volto d'amico che mi guarda,
ed anch'esso si volge al cielo,
ed anch'esso pensa a me!
(Gabriel Seidl)

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 4 gennaio 1991

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 13 settembre 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.