Glossario



Die Gestirne (La costellazione), D. 444

Lied per voce e pianoforte

Musica:
Franz Schubert
Testo: Friedrich Gottlieb Klopstock
Organico: voce, pianoforte
Composizione: giugno 1816
Edizione: Diabelli, Vienna, 1831

Testo (nota 1)

DIE GESTIRNE LA COSTELLAZIONE
Es tönet sein Lob Feld und Wald, Tal und Gebirg,
Das Gestad hallet, es donnert das Moer
[dumpfbrausend
Des Unendlichen Lob, siehe des Herrlichen,
Unerreichten von dem Danklied der Natur!
Intonano la sua lode il campo e la foresta, la valle e il
[monte,
la riva risuona, il mare rumoreggiando sordamente
[tuona
la lode di Chi non avrà mai fine, del Magnificiente,
dell'Irraggiungibile dal canto di grazie della natura!
(Traduzione di Luigi Bellingardi)

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 30 maggio 1986

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 settembre 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.