Glossario



Du liebst mich nicht (Tu non mi ami), op. 59 n. 1, D. 756

Lied per voce e pianoforte (in due varianti)

Musica:
Franz Schubert
Testo: August von Platen-Hallermunde
  1. Prima variante - Mässig (sol diesis minore)
  2. Seconda variante - Mässig (la minore)
Organico: voce, pianoforte
Composizione: luglio 1822
Edizione: Sauer & Leidesdorf, Vienna, 1826

Testo (nota 1)

Du liebst mich nicht Tu non mi ami
Mein Herz ist zerrissen, du liebst mich nicht!
Wiewohl ich dir flehend und werbend erschien,
Und liebebeflissen, du liebst mich nicht!
Du hast es gesprochen, mit Worten gesagt.
Mit allzu gewissen, du liebst mich nicht!
So soll ich die Sterne, so soll ich den Mond,
Die Sonne vermissen, du liebst mich nicht!
Was blüht mir die Rose, was blüht der Jasmin,
Was blühn die Narzissen, du liebst mich nicht!
Il mio cuore è spezzato, tu non mi ami!
Benché ti abbia supplicato e corteggiato
e colmato d'amore, tu non mi ami!
L'hai detto a chiare parole!
in modo inequivocabile, tu non mi ami!
Che me ne faccio delle stelle, della luna,
del sole? Tu non mi ami!
A che fioriscono per me la rosa, il gelsomino,
i narcisi? Tu non mi ami!
(Traduzione di Pietro Soresina)

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Auditorium Parco della Musica, 21 novembre 2003

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 15 ottobre 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.