Glossario



Nachthelle (Chiarore notturno), op. 134, D. 892

Lied per tenore, quartetto vocale maschile e pianoforte

Musica:
Franz Schubert
Testo: Johann Gabriel Seidl
Organico: tenore solo, 2 tenori, 2 bassi, pianoforte
Composizione: settembre 1826
Edizione: Diabelli, Vienna, 1839

Testo (nota 1)

NACHTHELLE CHIARORE NOTTURNO
Die Nacht ist heiter und ist rein.
Im allerhellsten Glanz,
Die Häuser schau'n verwundert drein,
Steh'n übersilbert ganz.

In mir ist's hell so wunderbar,
So voll und übervoll.
Und waltet drinnen frei und klar.
Ganz ohne Leid und Groll.

Ich fass' in meinem Herzenshaus
Nicht all' das reiche Licht,
Es will hinaus, es muß hinaus.
Die letzte Schranke bricht.
La notte è serena ed è chiara,
Nel più lucente splendore,
Le case sono circonfuse di stupore,
Nella luce argentea.

In me è così meravigliosamente chiaro,
Pienamente, completamente radioso
Mi sento assolutamente libero e puro.
Senza alcun dolore e pena.

Nella dimora del mio cuore non c'è posto
Per tutta questa luce splendente,
Vuole uscire, deve uscire,
L'ultima barriera si spezza.

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorium Parco della Musica, 23 febbraio 2007

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 17 gennaio 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.