Glossario



Sehnsucht (Nostalgia), op. 8 n. 2, D. 516

Lied per voce e pianoforte

Musica:
Franz Schubert
Testo: Johann Mayrhofer
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1816 circa
Edizione: Cappi & Diabelli, Vienna, 1822
Dedica: Johann Karl Eszterhàzy

Testo (nota 1)

SEHNSUCHT Nostalgia
Der Lerche wolkennahe Lieder
Erschmettern zu des Winters Flucht,
Die Erde hüllt in Samt die Glieder
Und Blüten bilden rote Frucht.

Nur du, o sturmbewegte Seele,
Nur du bist blütenlos, in dich gekehrt,
Und wirst in goldner Frühlingshelle
Von tiefer Sehnsucht aufgezehrt.

Nie wird, was du verlangst, entkeimen
Dem Boden, Idealen fremd,
Der trotzig deinen schönsten Träumen
Die rohe Kraft entgegenstemmt.

Du ringst dich matt mit seiner Härte,
Vom Wunsche heftiger entbrannt,
Mit Kranichen ein sterbender Gefährte,
Zu wandern in ein milder Land.
I canti dell'allodola alta nel cielo
risuonano nella migrazione invernale,
la terra avvolge nel velluto gli elementi
e fiori generano frutti rossi.

Solo tu, anima in tempesta,
solo tu sei senza fiori, chiusa in te,
e nell'aureo splendore primaverile
ti consumerai di cupa nostalgia.

Mai, ciò che pretendi, germoglierà
dal terreno, estraneo agli ideali,
che incurante dei tuoi bellissimi sogni
ti oppone la pura forza.

Ti sfinisci lottando contro la sua durezza,
travolta da un desiderio bruciante,
accompagnato da un uccello morente,
di fuggire in un paese più mite.

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 11 maggio 1988

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 20 giugno 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.