Glossario



Sinfonia n. 2 in si bemolle maggiore, D.125

Musica: Franz Schubert
  1. Largo (si bemolle maggiore). Allegro vivace
  2. Andante (mi bemolle maggiore)
  3. Menuetto: Allegro vivace (mi bemolle maggiore). Trio
  4. Presto vivace (si bemolle maggiore)
Organico: flauto, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, timpani, archi
Composizione: Vienna, 10 dicembre 1814 - 24 marzo 1815
Prima esecuzione: 24 marzo 1877
Edizione: Breitkopf & Härtel, Lipsia, 1884

Guida all'ascolto (nota 1)

Delle tredici Sinfonie di cui si ha notizia, Schubert ne completò solo sette. Ciò ha creato una certa confusione nella numerazione anche perché nel corso degli anni sono cambiati i criteri di valutazione (ad esempio la famosa Incompiuta, anche se incompleta perché mancante di due movimenti, va considerata un'opera compiuta e quindi con un suo preciso numero d'opus nel catalogo schubertìano). Nelle prime tre Sinfonie l'autore si rifa ai modelli haydniani e del primo Beethoven, e se certi temi o il loro trattamento orchestrale appaiono ingenui, non bisogna dimenticare che si tratta di composizioni scritte tra i sedici e i diciotto anni, dunque opere di apprendistato. Quello che invece stupisce proprio in un compositore così giovane e legato ai modelli dei coevi è la notevole intraprendenza nel campo armonico: qui Schubert segna subito i propri confini scegliendo percorsi tonali originali ed autonomi rispetto alla tradizione del classicismo.

Le Sinfonie del primo periodo (fino alla quarta del 1816) adottano uno schema formale standard con un Adagio introduttìvo seguito da un Allegro in forma-sonata dai temi veloci e graziosi, ripresi poi nella sezione centrale (sviluppo) in modo sempre originale. Segue poi un tempo lento nel quale Schubert scopre le sue doti di orchestratore puntando l'attenzione, in particolare, sugli strumenti a fiato. Il terzo tempo è un Minuetto ancora molto legato alle movenze settecentesche, mentre nell'ultimo tempo si scatenano veloci figurazioni melodiche, trattate con grande gusto coloristico dall'orchestra, impegnata a sottolineare le profonde differenze dinamiche.

Schubert compose la Sinfonia n. 2 in un periodo di grande attività creatività, tra dicembre 1814 e marzo 1815, alla giovane età di 17 anni. Nel Largo che segna l'inizio della composizione, ci vengono presentati gli strumenti per blocchi (fiati e archi), un vero e proprio preludio che, oltre ad aumentare l'effetto dell'Allegro vivace, serve a mettere in campo i protagonisti. Il primo tema sorprende per la speciale esuberanza e facilità espressiva che trovano la spiegazione in un semplice espediente ritmico (cioè spostamento dell'accento dal primo al secondo tempo della battuta che ha lo scopo di imprimere una costante spinta centrifuga). Nel secondo tema, invece, entra in scena quella speciale cantabilità schùbertiana che unisce delicatezza e spontaneità melodica con originalità armonica e sapienza dell'orchestrazione.

Nel secondo movimento troviamo un Tema con variazioni ed è interessante notare come il tema sia un omaggio dichiarato ad Haydn, che era uno dei punti di riferimento del giovane Schubert. Le variazioni (sei in tutto) ricalcanti modelli tradizionali, puntando l'attenzione sulla fìoritura della melodia più che su variazioni strutturali; nella quarta, però, quella in tonalità minore, è possibile sentire tutta la potenza e la fantasia del romanticismo.

Il Minuetto ha un carattere curiosamente severo e marziale accentuato dalla tonalità (do minore). In netto contrasto è il Trio (al relativo maggiore), che mette in primo piano l'oboe (e poi il clarinetto) in una melodia molto simile al Minuetto ma trattata con una grazia completamente diversa.

Come già nel primo movimento, anche nel Finale si respira un'energia vitale straordinaria che il compositore traduce in una geniale e trascinante idea musicale con tratti di sereno umorismo in cui si notano ancora le tracce di Haydn. Forti contrasti dinamici (dal pianissimo al fortissimo) segnano continuamente la partitura mentre continui forzando provocano persistenti sfasamenti metrici che ci fanno sentire l'energia di una struttura primigenia che stenta ad essere racchiusa tra le battute.

Oltre la tendenza all'estensione della forma, specie nel primo movimento, la caratteristica più evidente offerta da questa Sinfonia è la presa di distanza di Schubert dalle "semplici" strutture classiche per esplorare il terreno armonico delle modulazioni a distanza di terza che diverrà prassi abituale nelle opere della maturità.

Fabrizio Scipioni


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 26 maggio 1996

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 20 marzo 2013
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.