Glossario



Ständchen: Horch, horch! die Lerch, D. 889

Lied per voce e pianoforte

Musica:
Franz Schubert
Testo: William Shakespeare da "Cymbeline" tradotto da A. W. von Schlegel
Organico: voce, pianoforte
Composizione: luglio 1828
Edizione: Diabelli, Vienna, 1830

Guida all'ascolto (nota 1)

Franz Schubert compose Lieder fino alla fine della vita, con una produzione di meravigliosa tenacia e continuità. E dobbiamo pensare che egli, come ogni artista superiore, era ossessionato dalla perfezione formale e dalla rifinitura espressiva. Arrivò a creare anche nove Lieder in un giorno e a noi ne restano più di 600! 44 Lieder sono congiunti tra loro in due cicli unitari (come poi usarono fare tutti gli altri liederisti), Die schöne Müllerin (1823-25) e la Winterreise (1827-28; il cosiddetto Schwanengesang, Canto del cigno, è un insieme di 14 Lieder stupendi, certamente non destinati a una pubblicazione unica, ma, lasciati inediti da Schubert, (dopo la sua morte, 19 novembre 1828, furono pubblicati come un ciclo dal fratello), dai quali non bisognerebbe mai estrarre singole composizioni: anche se poi, per diverse ragioni, non tutte estetiche, molti artisti, anche illustri, così fanno.

Ständchen (Serenata) su versi dal Cimbelino di Shakespeare (nella storica traduzione di A.W. Schlegel) imita con grazia l'accompagnamento di chitarra. 

Franco Serpa

Testo

STÄNDCHEN SERENATA
Horch, horch, die Lerch' im Ätherblau!
Und Phöbus, neu erweckt,
Tränkt seine Rosse mit dem Tau,
Der Blumenkelche deckt.
Der Ringelblume Knospe schleusst
Die goldnen Äuglein auf
Mit allem, was da reizend ist.
Du süsse Maid, steh auf!
Weil du doch gar so reizend bist:
Du süsse Maid, steh auf!
Senti, senti, l'allodola nell'etere azzurro!
E Febo, ridesto,
i suoi destrieri abbevera con la rugiada,
che copre i calici dei fiori,
la gemma della calendula dischiude
gli occhietti dorati;
in questo incanto.
Dolce fanciulla, destati!
Perché tu pure sei così bella
Dolce fanciulla, destati!
(traduzione di Olimpio Cescatti)

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 4 maggio 2001

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 4 febbraio 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.