Glossario



Der Strom (Il torrente), D. 565

Lied per voce e pianoforte

Musica:
Franz Schubert
Testo: autore ignoto
Organico: basso, pianoforte
Composizione: giugno 1817
Edizione: in «Blätter für Hausmusik», Lipsia, 1887

Testo (nota 1)

Der Strom
Il torrente
Mein Leben wälzt sich murrend fort,
Es steigt und fällt in krausen Wogen,
Hier bäumt es sich, jagt nieder dort
In wilden Zügen, hohen Bogen.

Das stille Tal, das grüne Feld
Durchrauscht es nun mit leisem Beben,
Sich Ruh ersehnend, ruh'gen Welt,
Ergötzt es sich am ruhigen Leben.

Doch nimmer findend, was es sucht,
Und immer sehnend tost es weiter,
Unmutig rollt's auf steter Flucht,
Wird nimmer froh, wird nimmer heiter.
Turbina incessantemente la mìa vita brontolando,
sale e ricade in onde increspate,
qua s'impenna, là si sprofonda
in rapide selvagge, in alte arcate.

Attraversando la valle silenziosa, i verdi campi
ora mormora con tremito leggero,
anela alla quiete, a un mondo di quiete,
si delizia dì un vivere quieto.

Ma mai trova quel che cerca,
e sempre anelando riprende a mugghiare,
rotola via scontenta in perenne fuga,
e mai si rasserena, mai più proverà gioia.

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 23 ottobre 2003

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 2 febbraio 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.