Glossario



Versunken (Sprofondato), D. 715

Lied per voce e pianoforte

Musica:
Franz Schubert
Testo: Wolfgang von Goethe
Organico: voce, pianoforte
Composizione: febbraio 1821
Edizione: Diabelli, Vienna, 1845

Testo (nota 1)

Versunken Sprofondato
Voll Locken kraus ein Haupt so rund!
Und darf ich dann in solchen reichen Haaren
Mit vollen Händen hin und wider fahren,
Da fühl ich mich von Herzensgrund gesund.

Und küß ich Stirne, Bogen, Augen, Mund,
Dann bin ich frisch und immer wieder wund.
Der fünfgezackte Kamm, wo sollt' er stocken?
Er kehrt schon wieder zu den Locken.
Das Ohr versagt sich nicht dem Spiel,

Hier ist nicht Fleisch, hier ist nicht Haut,
So zart zum Scherz, so liebeviel,
Doch wie man auf dem Köpfchen kraut,
Man wird in solchen reichen Haaren
Für ewig auf und nieder fahren
Voll Locken kraus ein Haupt so rund.
Una testolina così tonda, crespa di riccioli!
E se posso, in questa ricca chioma,
a piene mani viaggiare avanti e indietro,
allora mi sento bene dal fondo del cuore.

E se bacio fronte, ciglia, occhi e bocca,
allora son sano, e sempre ancora affranto.
E il pettine dai cinque denti, dove dovrà fermarsi?
Ecco che torna ancora sui ricci,
l'orecchio non si sottrae al gioco,

così tenero allo scherzo, così amoroso,
ma massaggiando il tuo piccolo capo
vien da muoversi, in questa ricca chioma,
su e giù per sempre
per la testolina così tonda, crespa di riccioli.

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 23 ottobre 2003

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 2 febbraio 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.