Glossario



Der Wanderer (Il Viandante), op. 65 n. 2, D. 649

Lied per voce e pianoforte

Musica:
Franz Schubert
Testo: Friedrich von Schlegel
Organico: voce, pianoforte
Composizione: febbraio 1819
Edizione: Cappi & Czerny, Vienna, 1826

Testo (nota 1)

Der Wanderer Il Viandante
Wie deutlich des Mondes Licht
Zu mir spricht,
Mich beseelend zu der Reise:
«Folge treu dem alten Gleise,
Wähle keine Heimat nicht.
Ew'ge Plage
Bringen sonst die schweren Tage.
Fort zu andern
Sollst du wechseln, sollst du wandern,
Leicht entfliehend jeder Klage».

Sanfte Ebb' und hohe Flut
Tief in Mut,
Wandr' ich so im Dunkeln weiter,
Steige mutig, singe heiter,
Und die Welt erscheint mir gut.
Alles reine
Seh' ich mild in Widerscheine,
Nichts verworren
In des Tages Glut verdorren:
Froh umgeben, doch alleine.
Con quanta chiarezza la luce della luna
mi parla,
animandomi al viaggio:
«Segui fedele l'antico sentiero,
non scegliere nessuna patria.
Eterne pene
ti recheranno altrimenti i giorni duri.
Via, verso altri luoghi
tu devi andare, devi errare,
sfuggire leggero ogni lamento».

Aspro flusso e placido riflusso
(s'agita) nel profondo del cuore,
così io continuo il mio cammino nell'oscurità,
salgo con coraggio, canto lietamente,
e il mondo mi sembra buono.
Tutto puro
vedo dolcemente nel chiarore riflesso.
Niente (è) sconvolto,
inaridito nel calore del giorno:
mi circonda la felicità, ma sono solo.
(Traduzione di Sergio Sablich)

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto del Maggio Musicale Fiorentino,
Firenze, Teatro Comunale, 13 giugno 1983

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 26 maggio 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.