Glossario



Wandrers Nachtlied (Canto notturno del viandante), op. 4 n. 3, D. 224

Lied per voce e pianoforte

Musica:
Franz Schubert
Testo: Wolfgang von Goethe
Organico: voce pianoforte
Composizione: Vienna, 5 luglio 1815
Edizione: Cappi & Diabelli, Vienna, 1821
Dedica: Johann Ladislav Pyrker von Fels÷-E÷r

Testo (nota 1)

WANDRERS NACHTLIED CANTO NOTTURNO DEL VIANDANTE
Der du von dem Himmel bist,
Alles Leid und Schmerzen stillst,
Den, der doppelt elend ist,
Doppelt mit Erquickung fŘllest,
Ach! ich bin des Treibens mŘde!
Was soll all der Schmerz und Lust?
SŘ▀er Friede,
Komm, ach komm in meine Brust!
O Tu che sei del cielo,
che acquieti ogni dolore ed ogni pena,
chi Ŕ due volte desolato
colmi di duplice ristoro.
Ah, io sono stanco di questo cammino!
A che tutto il dolore e la gioia?
Dolce pace,
vieni, ah vieni nel mio petto.
(Traduzione di Amelia Maria Imbarrato)

(1) Testo tratto dal sito The LiederNet Archive che consgliamo per la consultazione dei testi di altri Lied.

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 12 giugno 2015
html validator  css validator


Questo testo Ŕ stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed Ŕ utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietÓ delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione pu˛ essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.