Glossario



Concerto in la minore per violoncello e orchestra, op. 129

Musica: Robert Schumann
  1. Nicht zu schnell (la minore - la maggiore)
  2. Langsam (fa maggiore)
  3. Etwas lebhafter. Sehr lebhaft (la minore - la maggiore)
Organico: violoncello solista, 2 flauti, 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 2 corni, 2 trombe, timpani, archi
Composizione: Düsseldorf, 10 - 24 ottobre 1850
Prima esecuzione: Lipsia, Gewandhaus Saal, 9 giugno 1860
Edizione: Breitkopf & Härtel, Lipsia, 1854

Guida all'ascolto 1 (nota 1)

La composizione del Concerto per violoncello e orchestra coincide con il periodo di tempo in cui Schumann assunse, su proposta di Killer, il posto di direttore dei concerti e della società corale di Düsseldorf con un emolumento annuo di 700 talleri. Furono quasi quattro anni - dal 1° settembre del 1850 sino alla stagione 1854-'55, quando dovette cedere il posto a Julius Tausch (1827-1895) - di intensa e febbrile attività non solo dal punto di vista creativo, ma anche per quanto riguardava il lavoro direttoriale e organizzativo, teso ad accrescere il prestigio e la fama di questa antica istituzione musicale tedesca. Fu a Düsseldorf che egli scrisse fra l'altro, la Sinfonia in mi bemolle maggiore detta "Renana", le ouvertures della Fidanzata di Messina, del Giulio Cesare e di Ermanno e Dorotea, i tre Phantasiestücke per pianoforte op. 111, la Messa per coro a 4 voci e orchestra op. 147 e il Requiem op. 148: lavori questi due ultimi di notevole impegno artistico, anche se non inseriti nella produzione più popolare del musicista.

Non si può dire che Schumann come direttore d'orchestra raccogliesse i più entusiastici consensi da parte del Comitato dei concerti della città, che lo considerava un musicista troppo riservato, chiuso in se stesso e lontano da ogni virtuosismo della bacchetta, una qualità questa che anche in passato ha avuto un peso determinante nella quotazione degli interpreti. In tal modo si stabilì un rapporto di particolare tensione e di profonda incomprensione tra l'artista e il Comitato, tanto che ad un certo momento Schumann fu invitato a lasciare il posto che, era scritto nella lettera di licenziamento, «reggeva con mediocre rendimento». Soltanto l'affettuoso interessamento di amici e l'intervento di alcune autorità cittadine, che conoscevano il valore e la forte personalità del compositore, determinò una soluzione di compromesso, con la proposta di far dirigere a Schumann esclusivamente le proprie musiche e di lasciare le maggiori responsabilità dell'incarico al maestro sostituto Tausch. Una situazione abbastanza umiliante per il musicista che ne risentì nel suo sistema nervoso, già indebolito dal superlavoro intellettuale e dai fenomeni morbosi e psichici che lo fiaccavano ogni giorno di più. Infatti in questo periodo ricompaiono in forma preoccupante e allarmante la depressione, l'angoscia, l'apatia, accompagnati a volte da eccessi di misticismo, da allucinazioni auditive persistenti e di straordinaria vivacità e da ossessiva fiducia nei fenomeni e nelle sedute di spiritismo.

Ma di questo sconvolgimento intellettuale non c'è ancora alcuna traccia nel Concerto per violoncello e orchestra, che Schumann cominciò a scrivere il 10 ottobre 1850; la bozza fu pronta in sei giorni e l'intera orchestrazione fu completata dopo altri otto giorni. Sembra che il musicista tenesse molto a questo lavoro, tanto che, secondo una testimonianza della stessa moglie Clara, egli fece delle correzioni a tale composizione qualche anno più tardi, quando già soffriva in maniera acuta dei disturbi mentali che lo avrebbero portato alla follia e alla morte a soli 46 anni. Più che di un concerto per violoncello e orchestra si può dire che si tratti di un concerto per violoncello con accompagnamento di orchestra, in quanto lo strumento solista assurge a ruolo di protagonista e afferma le sue prerogative in modo preponderante su un'orchestra dalle sonorità plasticamente morbide e soffuse di delicata malinconia, che si ritroveranno poi anche in Brahms, il più fedele continuatore del sinfonismo schumanniano.

La composizione, formata da vari movimenti dispiegantisi senza soluzione di continuità, si apre con un accordo dolce e cullante nella tonalità di la minore affidato al timbro dei fiati e subito appare il tema cantabile e di inconfondibile linea romantica dello strumento solista, che torna più volte ad affiorare con figurazioni armoniche diverse nel corso del concerto. La melodia calda e intensamente piena del violoncello, si snoda con varietà e ricchezza di accenti, sorretta da un suono orchestrale timbricamente omogeneo e particolarmente adatto ad esprimere il sentimento intimistico della musica schumanniana. Nel movimento Adagio centrale il concerto tocca il momento di più elevato lirismo, realizzato attraverso un originale recitativo tra la frase melodica del solista e gli accordi degli strumenti a fiato, su un accompagnamento sostenuto dai violini. Sopraggiunge successivamente il Rondò, pagina tanto difficile tecnicamente per il solista quanto brillante ed estrosa esteticamente e tale da ricordare lo Schumann fantasioso e sognatore delle composizioni pianistiche e anche certi slanci improvvisi della Seconda Sinfonia. Il violoncello non perde mai d'impeto e rivendica quasi con forza i suoi diritti, specie nella cadenza non contrassegnata da un carattere virtuosistico fine a se stesso e che, accompagnata dagli accordi sussurrati dell'orchestra conclude in maniera fresca e gioiosa il concerto, al quale pensò certamente Saint-Saëns quando scrisse l'opera 33 (1873) dedicata all'orchestra e allo stesso strumento solista e nella stessa poetica tonalità di la minore.

Guida all'ascolto 2 (nota 2)

Durante i primi mesi del 1850 Robert Schumann è a Dresda; sin da aprile riceve lo stipendio da Düsseldorf per il posto che assumerà però ufficialmente soltanto in settembre. A ottobre è a Düsseldorf dove, nel giro di una sola settimana, compone il suo Concerto per violoncello op. 129; questa meravigliosa pagina (un «pezzo sereno», come afferma lo stesso Schumann in una lettera a Breitkopf & Hàrtel del 3 novembre 1853) non fa trasparire le condizioni mentali di Schumann, che di lì a poco sarebbero precipitate irrimediabilmente. Assorbito dal suo incarico di direttore musicale a Düsseldorf e totalmente immerso nella composizione della Sinfonia Renana, Schumann non trova un solista all'altezza del suo concerto e cominciano a sorgere in lui alcuni dubbi sul reale valore dell'opera, che viene rivista in alcuni punti. Solo nel novembre del 1852 l'autore scrive al suo editore comunicandogli che il Concerto è pronto per essere dato alle stampe, cosa che avverrà solo nel febbraio del 1854. Il 27 dello stesso mese Schumann tenterà di suicidarsi gettandosi nel Reno. La prima esecuzione pubblica di cui si abbia notizia avverrà, postuma, il 9 giugno del 1860 nel corso delle celebrazioni per il cinquantesimo anniversario della sua nascita.

Il Concerto si articola nei canonici tre movimenti; il primo, Nicht zu schnell (Non troppo allegro), viene introdotto da un delicato "sipario" di quattro battute affidato alle armonie dei legni e al "pizzicato" degli archi: la voce del violoncello, calda e intensa, espone poi il primo tema in la minore, appassionato e romantico, come l'anima musicale del miglior Schumann. L'orchestra, che aveva mancato il tradizionale "tutti" introduttivo, si lancia ora in una transizione che porta a do maggiore, tonalità nella quale appare il secondo tema del violoncello, brillante e solare. Il discorso musicale viene condotto essenzialmente dal solista: l'orchestra si limita ad accompagnare, a sottolineare, a riprendere gli spunti motivici che nascono dalle sue corde. La sezione di sviluppo si basa su un nervoso motivo in terzine di crome, che circola in orchestra, mentre il solista prosegue il suo canto appassionato, fatto di rimembranze del primo tema e di slanci melodici ascendenti. L'ultima sezione dello sviluppo, che porta alla ripresa del tema principale, è costituita da un dialogo fra solista e orchestra basato su un energico spunto motivico discendente. Alla ripresa del tema principale fa seguito la transizione orchestrale, che conduce ora a la maggiore, tonalità nella quale riappare il secondo tema.

Manca la tradizionale cadenza del solista e allora, senza soluzione di continuità, si sfocia nel secondo movimento, Langsam (Adagio), in fa maggiore, una delle pagine più struggenti e romantiche dell'intera produzione schumanniana. Protagonista assoluto è il violoncello solista, il cui canto intenso viene delicatamente sostenuto dall'orchestra; verso la fine i fiati alludono al tema principale del primo movimento che subito riaccende la passione focosa nel violoncello che, in un breve passaggio solistico, porta direttamente all'ultimo movimento, Sehr lebhaft (Molto vivace). L'energia e la vitalità di questa pagina si manifestano subito fin dal tema principale, costituito dalla doppia ripetizione di due secchi accordi orchestrali seguiti da un guizzo melodico ascendente del violoncello. L'episodio che segue è condotto dal violoncello in agili e virtuosistiche figurazioni che richiamano il guizzo del primo tema, la cui figura ritmica si trasforma in vari modi, assumendo infine un aspetto più lirico con l'approdo al secondo tema. La sezione di sviluppo è lineare e scorrevole, regolare la ripresa che culmina in una cadenza del solista ampia e articolata, alla quale non mance il sostegno ritmico dell'orchestra, cosa che sconcertò non poco i primi esecutori scontenti per l'anticonvenzionalità delle cadenza che appariva probabilmente a loro occhi poco "gratificante". La breve coda conclusiva, Schneller, riprende per l'ultima volta lo spunto motivico iniziale del tema principale.

Alessandro De Bei


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia;
Roma, Auditorio di Via della Conciliazione, 25 aprile 1987
(2) Testo tratto dal libretto inserito nel CD allegato al n. 295 della rivista Amadeus

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito htpp://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.