Glossario



Märzveilchen (Violette di marzo), op. 40 n. 1

Lied per voce e pianoforte

Musica: Robert Schumann
Testo: Hans Christian Andersen, tradotto da Adalbert von Chamisso
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1840
Edizione: Schubert, Lipsia, 1842
Dedica: Hans Christian Andersen


Märzveilchen
Violette di marzo
Der Himmel wölbt sich rein und blau,
Der Reif stellt Blumen aus zur Schau
Am Fenster prangt ein flimmernder Flor.
Ein Jüngling steht, ihn betrachtend, davor.
Und hinter den Blumen blühet noch gar
Ein blaues, ein lächelndes Augenpaar,
Märzveilchen, wie jener noch keine gesehn.
Der Reif wird, angehaucht, zergehn.
Eisblumen fangen zu schmelzen an,
Und Gott sei gnädig dem jungen Mann.
Il cielo si estende puro e azzzurro,
la brina fa nascere dei fiori.
Sulla finestra è tutto un fiorire luccicante.
Un giovane la osserva da fuori.
E dietro i fiori fiorisce addirittura
un paio d'occhi azzurri e sorridenti,
violette di primavera quali, costui non ha mai visto.
La brina col respiro si dissolve.
I fiori di ghiaccio si sciolgono,
e Dio voglia essere clemente con questo giovane.
(traduzione Johannes Streicher)

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 26 novembre 1992

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento: 19 giugno 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.