Glossario



Due studi da concerto, op. 7 [10]

Musica: Giovanni Sgambati
  1. Tranquillo (re bemolle maggiore)
  2. Agitato (fa diesis minore)
Organico: pianoforte
Composizione: 1880
Edizione: Schott, Magonza, 1881
Dedica: Elena Basevi

Guida all'ascolto (nota 1)

Composti nel 1880 per il metodo Labert & Stark, uno dei maggiori successi didattici della fine dell’Ottocento, a cui contribuirono Liszt, Rubinstein, Kullak, Moscheles, Saint-Saëns, Heller, Henselt, Kirchner, Bendel, Bargiel e tra gli italiani pure Martucci, Golinelli, Bassani, Palumbo e Sangalli, i “Due studi da concerto” op. 10, pur sfruttando in modo esemplare le sonorità del pianoforte, sono di esecuzione molto difficile, non essendoci sempre un perfetto equilibrio tra risultato e difficoltà tecniche. Il primo, in re bemolle maggiore, è uno studio su morbide sonorità in una complicata scrittura di accordi ribattuti e doppio meccanismo scritto nella classica forma ABA. Il secondo, in fa diesis minore, alterna un agitato moto perpetuo ad un mistico corale che porta grandiosamente alla conclusione in un profluvio di arpeggi ed accordi.

Francesco Caramiello


(1) Tactus: Giovanni Sgambati The Complete Piano Works, Voll. I-VII

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 3 marzo 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.