Glossario



Allerseelen (Giorno dei morti), op. 10 n. 8

Lied per voce e pianoforte

Musica:
Richard Strauss
Testo: Hermann von Gilm
Organico: voce, pianoforte
Composizione: Meiningen, 3 ottobre 1885
Edizione: J. Aibl, Monaco, 1907.
Dedica: Heinrich Vogl

Testo (nota 1)

Allerseelen

Stell auf den Tisch die duftenden Reseden,
Die letzten roten Astern trag herbei,
Und lass uns wieder von der Liebe reden
Wie einst im Mai.

Gib mir die Hand, dass ich sie heimlich drücke
Und wenn man's sieht, mir ist es einerlei,
Gib mir nur einen deiner süssen Blicke,
Wie einst im Mai.

Es blüht und duftet heut auf jedem Grabe,
Ein Tag im Jahr ist ja den Toten frei,
Komm an mein Herz, dass ich dich wieder habe,
Wie einst im Mai.
Il giorno dei morti

Metti qui le resede profumate,
porta qui gli ultimi astri rossi,
e parliamo di nuovo dell'amore,
come una volta, in maggio.

Dammi la mano, che io di nascosto
la stringa; e se vedono, che fa?
Dammi uno solo dei tuoi dolci sguardi,
come una volta, in maggio.

Fiorisce oggi e profuma ogni sepolcro;
un giorno all'anno è dedicato ai morti;
Vienmi sul cuore, che io t'abbia di nuovo,
come una volta, in maggio.
(traduzione Andrea Casalegno)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 26 novembre 1992

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 21 giugno 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.