Glossario



Cäcile, op. 27 n. 2

per voce e pianoforte

Musica:
Richard Strauss
Testo: Heinrich Hart
Organico: voce, pianoforte
Composizione: Marquarstein, 2 settembre 1894
Edizione: J. Aibl, Monaco, s. a.
Dedica: Pauline de Ahna

Testo (nota 1)
CAECILIE

Wenn du es wüsstest,
Was träumen heisst von brennenden Küssen,
Von Wandern und Ruhen mit der Geliebten,
Äug in Auge,
Und kosend und plaudernd,
Wenn du es wüsstest,
Du neigtest dein Herz!

Wenn du es wüsstest.
Was bangen heisst in einsamen Nächten,
Umschauert vom Sturm, da niemand tröstet
Müden Mundes die kampfmüde Seele,
Wenn du es wüsstest,
Du kämest zu mir.

Wenn du es wüsstest,
Was leben heisst, umhaucht von der Gottheit
Weltschaffendem Atem,
Zu schweben empor, lichtgetragen,
Zu seligen Höhn,
Wenn du es wüsstest,
Du lebtest mit mir!
CECILIA

Se tu sapessi
che vuol dire sognare i baci ardenti,
che vuol dire vagabondare e riposare con l'amata,
gli occhi negli occhi,
tra carezze e conversari,
se tu lo sapessi,
piegheresti il tuo cuore!

Se tu sapessi,
che vuol dire aver paura nelle notti solitarie,
perseguitato dalla tempesta, senza consolazione d'alcuna
dolce parola per l'anima prostrata,
se tu lo sapessi,
verresti da me.

Se tu sapessi,
che vuol dire vivere, insufflato dall'alito
della divinità che ha creato il mondo,
per innalzarsi, illuminato,
alla beatitudine celeste,
se tu lo sapessi,
vivresti con me!

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione, 7 aprile 1990

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 25 ottobre 2013
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.