Glossario



Traum durch die Dämmerung (Sogno al crepuscolo), op. 29 n. 1

lied per voce e pianoforte

Musica:
Richard Strauss
Testo: Otto Julius Bierbaum
Organico: voce, pianoforte
Composizione: Monaco, 4 settembre 1895
Edizione: J. Aibl, Monaco, s. a.
Dedica: Eugen Gura

Testo (nota 1)

Traum durch die Dämmerung

Weite Wiesen im Dämmergrau;
Die Sonne verglomm, die Sterne ziehn,
Nun geh ich hin zu der schönen Frau,
Weit über Wiesen im Dämmergrau,
Tief in den Busch von Jasmin.

Durch Dämmergrau in der Liebe Land;
Ich gehe nicht schnell, ich eile nicht;
Mich zieht ein weiches samtenes Band
Durch Dämmergrau in der Liebe Land,
In ein blaues mildes Licht.

Ich gehe nicht schnell, ich eile nicht;
Durch Dämmergrau in der Liebe Land,
In ein mildes, blaues Licht.
Sogno nel crepuscolo

Prati lontani nella penombra del crepuscolo;
tramonta il sole, spuntano le stelle
e io mi reco dalla bella donna,
lontano, per prati, nella penombra del crepuscolo,
attraverso fitti cespugli di gelsomino.

Nella penombra del crepuscolo verso la terra dell'amore;
non cammino veloce, non mi affretto;
mi attira un morbido nastro di velluto
nella penombra del crepuscolo verso la terra dell'amore
in una luce dolce azzurro cupo.

Non cammino veloce, non mi affretto;
nella penombra del crepuscolo verso la terra dell' amore,
in una luce dolce azzurro cupo.
(traduzione Andrea Casalegno)


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 26 novembre 1992

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 20 giugno 2014
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.