Glossario



Ruhe, meine Seele, op. 27 n. 1

per voce e pianoforte

Musica:
Richard Strauss
Testo: Karl Henckell
Organico: voce, pianoforte
Composizione: Weimar, 17 maggio 1894
Edizione: J. Aibl, Monaco, s. a.
Dedica: Pauline de Ahna

Testo (nota 1)
RUHE, MEINE SEELE

Nicht ein Lüftchen regt sich leise,
sanft entschlummert ruht der Hain;
durch der Blätter dunkle Hülle
stiehlt sich lichter Sonnenschein.

Ruhe, ruhe, meine Seele,
deine Stürme gingen wild,
hast getobt und hast gezittert,
wie die Brandung, wenn sie schwillt.

Diese Zeiten sind gewaltig,
bringen Herz und Hirn in Not.
Ruhe, ruhe, meine Seele,
und vergiss, was dich bedroht!
RIPOSA ANIMA MIA

Non si muove neanche un alito d'aria,
soavemente assopito riposa il boschetto;
tra lo scuro manto delle foglie
si insinua appena appena un lieve raggio di sole.

Riposa, riposa, anima mia,
le tue passioni sono state indomite,
fremevi in preda alla furia e tremavi come una foglia,
come la risacca quando sbatte sulla riva.

Questi sono tempi duri,
nel pericolo richiedono cuore e cervello a posto.
Riposa, riposa, anima mia,
e dimentica quello che ti travaglia.

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 9 marzo 1973

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 26 febbraio 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.