Glossario



Trois Histoires pour enfants

per voce e pianoforte

Musica:
Igor Stravinskij
Testo: Stravinskij da testi popolari russi tradotti in francese da Charles-Ferdinand Ramuz
  1. Tilimbom
  2. Les canards, les cygnes, les oies...
  3. Chanson de l'ours
Organico: voce, pianoforte
Composizione: 1915 - 1917
Edizione: J. &. W. Chester, Londra, 1920
Dedica: al figlio Svjatoslav Soulima

Stravinskij ha orchestrato Tilimbom nel 1923

Testi (nota 1)


TlLIMBOM

La casa della capra è in fiamme: il gallo, la gallina e il gatto accorrono per spegnere l'incendio mentre il caprone se ne sta in disparte seccato da tanto frastuono.

LES CANARDS, LES CYGNES, LES OIES

Le anatre, i cigni e le oche giungono dalla Savoia accolti con molta ospitalità dalla cìmice e dal pidocchio.
CHANSON DE L'OURS

Il y avait dans le temps
un vieux et une vieille qui n'avaient pas d'enfants.
La vieille a dit au vieux: «Va me chercher du bois».
«On y va», dit le vieux, le vieux dit qu'il y va.
Et en effet il y va, rencontre l'ours, «Tiens, c'est toi!
On te connaît. Veux-tu lutter avec moi?»
Le vieux a pris une hache, lui a coupé la patte.
Voilà que le vieux s'en revient et il tient la patte à la
[main:
«C'est un bon dîner pour demain».
La vieille racle, frotte, nettoie,
l'ours n'est pas content,
il a été se laver dans le ruisseau,
il s'est fait une patte en bouleau.
Puis il est venu devant chez le vieux,
et il chante à la vieille au vieux:
Grince, grince, grince patte en bouleau.
Dedans, dehors gens et choses, tout dort.
Gens et choses, tout qui repose...
Seule, sans vergogne dort pas,
racle, grogne, est à sa besogne,
la vieille charogne.
Sous le pétrin renversé
le vieux s'est ensauvé;
sous les chemises sales la vieille a été se cacher;
dans la maison l'ours est entré.
Sous le pétrin renversé
les dents du vieux se sont mises à claquer;
Sous  les  chemises sales  la vieille s'est  mise a
[tousser.
L'ours les a trouvés,
L'ours les a mangés.
LA CANZONE DELL'ORSO

C'era una volta un vecchio e una vecchia
senza figli.
La vecchia disse al vecchio
«va a raccogliere legna».
«Ci vado» disse il vecchio.
Il vecchio disse che ci andava.
E alla fine ci andò
e incontrò l'orso.
L'orso disse: «Guarda chi si vede!
Ti conosco bene! Vuoi fare la
lotta con me?»
Il vecchio prese un'ascia, e gli
tagliò una zampa.
Ecco il vecchio ritorna
con la zampa dell'orso fra le mani
dice: «Sarà un buon pranzo, per domani!»
La vecchia raschia, stropiccia, pulisce,
Ma l'orso è inquieto.
Si è lavato nel ruscello,
con un ramo di betulla
si è arrangiato una zampa.
Poi è andato dal vecchio
e ora canta alla vecchia e al vecchio
Cigola, cigola, cigola, zampa di betulla.
Dentro, fuori, genti e cose, tutto dorme.
Tutto riposa.
Sola, la vecchia carogna non dorme.
Raschia, brontola e senza rimorso
va a fare il suo lavoretto!
Il vecchio si è nascosto
sotto la madia rovesciata;
la vecchia si è cacciata
sotto le camicie sporche:
l'orso è entrato in casa.
Sotto la madia rovesciata
i denti del vecchio si sono messi a battere
Sotto le camicie sporche
la vecchia si e messa a tossire.
L'orso li ha trovati
l'orso li ha mangiati.

(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 9 aprile 1971

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 28 ottobre 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.