Glossario



Le roi des étoiles

Cantata per coro maschile e orchestra

Musica:
Igor Stravinskij
Testo: Konstantin Bal'mont, tradotto in francese da Michel Dimitri Calvocoressi
Organico: coro maschile, 4 flauti, 4 oboi, 4 clarinetti, 4 fagotti, 8 corni, 3 trombe, 3 tromboni, basso tuba, timpani, percussioni, celesta, 2 arpe, archi
Composizione: Ustilug, 1911 - 1912
Prima esecuzione: Bruxelles, Institut National Belge de Radiodiffusion, 19 aprile 1939
Edizione: Jurgenson, Mosca, 1913
Dedica: Claude Debussy

Guida all'ascolto (nota 1)

Il re delle stelle ha una scarsa notorietà che deriva da obbiettive difficolta di esecuzione e da una quasi volontaria segregazione in cui la cantata su versi di Balmont è stata tenuta dal suo autore fino al dopoguerra.

Il re delle stelle risale al periodo precedente La sagra della, primavera; venne composto nel 1911 e dedicato a Debussy (la copia in possesso del maestro francese andò dispersa nella vendita ad uno sconosciuto, l'edizione Jurgenson del 1911 è rarissima, esistente la copia già in possesso dell'autore): a parte presunte esecuzioni a Bruxelles, che avrebbero avuto luogo nel 1914 secondo Milhaud e nel 1939 secondo Mantelli, l'ingresso della cantata nel repertorio si deve all'esecuzione diretta da Robert Craft nel 1949 alla Carnegie Hall di New York e all'esecuzione dell'8 febbraio 1957 alla radio di Colonia. Strawinsky, nel 1935, affermava che Il re delle stelle non era mai stato eseguito (Chroniques de ma vie).

Intorno al Re delle stelle, i commentatori hanno toccato il problema di una dialettica nella creatività di Strawinsky: la cantata lascia trasparire inequivocabilmente lo «sfondo religioso dell'arte di Strawinsky» (Vlad), e d'altro lato, ponendosi dialetticamente alla vigilia del Sacre, espose un possibile incontro del compositore con Schönberg, rinviato di quarant'anni, al periodo delle opere seriali.

Claudio Casini

Testo

I suoi occhi son come le stelle,
come i fuochi che arano il cielo.
Il suo volto è come il sole
quando giunge allo zenith.
I colori luminosi del cielo,
la porpora, l'azzurro, l'oro
marezzano di luce l'abito
che Egli indossa per rinascere fra noi.
Intorno a Lui balena la folgore
per il cielo sconvolto,
denso di temporali.
Sette cerchi di stelle lucenti
circondano il suo capo luminoso.
La sua luce batte le colline,
fa nascere i fiori di primavera.
«Custodite voi il Verbo?» ci chiese
e noi tutti rispondemmo. «Sempre».
«Io solo regno», disse Egli,
Il tuono si fece udire più forte.
«E' l'ora», disse Egli nella sua gloria,
«le messi attendono. Amen».
Noi andammo, fervidi e pii.
La folgore tagliava le nubi.
Sette cerchi di stelle lucenti
segnavano il cammino verso il deserto.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Auditorio di via della Conciliazione: 11 febbraio 1973

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 13 febbraio 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.