Glossario



Cessate omai, cessate, RV 684

Cantata per contralto, archi e basso continuo

Musica:
Antonio Vivaldi
Testo: autore ignoto
  1. Cessate omai cessate - Largo e sciolto
    Recitativo per contralto, archi e basso continuo
  2. Ah ch'infelice sempre - Larghetto (sol minore)
    Aria per contralto, archi e basso continuo
  3. A'voi dunque ricorro orridi specchi - Andante e pianissimo
    Recitativo per contralto, archi e basso continuo
  4. Nell'orrido albergo - Allegro (mi bemolle maggiore)
    Aria per contralto, archi e basso continuo
Organico: contralto, basso continuo
Composizione: 1720 - 1724
Edizione: Ricordi, Milano, 1987

Guida all'ascolto (nota 1)

La musica vocale settecentesca conosceva anche una dimensione esecutiva più contenuta ma per nulla meno spettacolare, anche se lontana dalle scene teatrali. È quella della Cantata che, nata nel Seicento come succesione compiuta di Recitativi ed Arie, raggiunse con Vivaldi, Alessandro Scarlatti ed Händel una capacità evocativa non dissimile da quella dell'Opera seria. Ne è uno straordinario esempio Cessate ornai cessate, in cui la virtuosità drammatica del compositore veneziano si dipana appieno già nei Recitativi accompagnati. La prima Aria, con gli archi pizzicati ad evocare le lacrime del testo, ben descrive il sentire dell'amante abbandonato, il doloroso richiudersi su se stesso. Dopo l'irreale fissità del Recitativo che ne segue, ad essa si contrappone un'Aria di furore in cui la dinamicità del disegno degli archi avvolge ed esalta il declamato della voce.

Claudio Osele

Testo

Cessate ornai cessate RV 684

Recitativo
Cessate, ornai cessate,
rimembranze crudeli
d'un affetto tiranno;
già barbare e spietate
mi cangiaste i contenti
in un immenso affanno.
Cessate, ornai cessate,
di lacerarmi il petto,
di trafiggermi l'alma,
di toglier al mio cor riposo e calma.
Povero core afflitto e abbandonato,
se ti toglie la pace
un affetto tiranno,
perché un volto spietato, un'alma infida,
la sola crudeltà pasce ed annida.

Aria
Ah, ch'infelice sempre
mi vuol Dorilla ingrata.
ah, sempre più spietata
m'astringe a lagrimar.

Per me non v'è ristoro,
per me non v'è più speme,
e il fier martoro
e le mie pene
solo la morte
può consolar.

Recitativo
A voi dunque ricorro,
orridi spechi, taciturni orrori,
solitari ritiri ed ombre amiche,
tra voi porto il mio duolo,
perchè spero da voi quella pietade,
che Dorilla inumana non annida.
Vengo, spelonche amate,
vengo, spechi graditi,
affine meco involto
il mio tormento in voi resti sepolto.

Aria
Nell'orrido albergo,
ricetto di pene,
potrò il mio tormento
sfogare contento,
potrò ad alta voce
chiamare spietata
Dorilla l'ingrata,
morire potrò.

Andrò d'Acheronte
su la nera sponda,
tingendo quell'onda
di sangue innocente,
gridando vendetta,
ed ombra baccante
vendetta farò.


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia,
Roma, Auditorium Parco della Musica, 7 maggio 2004

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 21 ottobre 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.