Glossario



Concerto in sol minore per flauto diritto, oboe, fagotto e basso continuo, RV 103

Musica: Antonio Vivaldi
  1. Allegro ma cantabile (sol minore)
  2. Largo (sol minore)
  3. Allegro non molto (sol minore)
Organico: flauto diritto, oboe, fagotto, basso continuo
Composizione: data sconosciuta
Edizione: Schott, Magonza, 1970

Guida all'ascolto (nota 1)

Un secolo prima di Reicha, un altro sperimentatore di ben altra tempra inventiva tentava la composizione per soli strumenti a fiato ai di fuori del «genere» della sonata con basso continuo. Concerto, e non sonata a tre, è infatti denominata la composizione per flauto, oboe e fagotto contrassegnata col numero 402 nell'Inventaire Thématique delle opere vivaldiane curato dal Pincherle, e la differenza consiste principalmente nel carattere spiccatamente «concertante», per appunto, che vi assumono i tre strumenti, ivi compreso il fagotto. All'assenza di una massa strumentale di «ripieno» e di una conseguente alternanza tra «soli» e «tutti» accortamente Vivaldi supplisce mediante differenziazioni di scrittura nelle varie sezioni in cui si articolano i tempi estremi: il caratteristico stilo barocco a piani sonori contrapposti viene così, più che realizzato, suggerito all'immaginazione dell'ascoltatore.

Giovanni Carli Ballola


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia Filarmonica Romana,
Roma, Teatro Olimpico, 1 novembre 1978

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 25 marzo 2016
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.