Glossario



Concerto in re maggiore per violino, archi e basso continuo, op. 3 n. 9, RV 230

Musica: Antonio Vivaldi
  1. Allegro (re maggiore)
  2. Larghetto (re maggiore)
  3. Allegro (re maggiore)
Organico: violino solista, archi, basso continuo
Composizione: 1711
Edizione: Estienne Roger, Amsterdam, 1712 circa (in L’Estro Armonico, libro2)

Questo Concerto fu trascritto per clavicembalo da J. S. Bach (BWV 972)

Guida all'ascolto (nota 1)

Il primo movimento dell'op. III n. 9, Allegro, inizia con un ritmo incisivo esposto dalla piena orchestra.

Il consueto dinamismo dello stile, espresso in particolare negli agili virtuosismi del violino solista, si distende nella lenta scansione che apre il movimento successivo, Larghetto; movimento nel quale la predominanza della linea solistica è, eccezion fatta per pochi frammenti, quanto mai in rilievo: da una parte l'orchestra scandisce gli accordi dell'accompagnamento, dall'altra il violino solo si esprime attraverso un fraseggio melodico ricco di fioriture e di abbellimenti.

Il terzo movimento, Allegro, inizia con la festosa animazione di una proposizione musicale esposta dal violino solista associato ai violini primi e secondi.

Dopo una conversione della sonorità verso il «forte» della piena orchestra, il discorso prosegue nel dialettico incrociarsi della mobilissima scrittura del solo e dei serrati interventi dell'orchestra.

Giovanni Ugolini


(1) Testo tratto dal programma di sala del Concerto dell'Accademia di Santa Cecilia,
Roma, Sala Accademica di via dei Greci, 3 novembre 1967

I testi riportati in questa pagina sono tratti, prevalentemente, da programmi di sala di concerti e sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note.
Ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.

Ultimo aggiornamento 1 luglio 2015
html validator  css validator


Questo testo è stato prelevato sul sito http://www.flaminioonline.it. ed è utilizzabile esclusivamente per fini di consultazione e di studio.
Le guide all'ascolto sono di proprietà delle Istituzioni o degli Editori riportati in calce alle note e quindi ogni successiva diffusione può essere fatta solo previa autorizzazione da richiedere direttamente agli aventi diritto.